Bonus zanzariere, sconti del 50 % anche nel 2021. Ecco come fare

0
168

Riconfermato anche per l’anno 2021 il cosiddetto “Bonus zanzariere”, ma attenzione ai requisiti necessari per l’ottenimento.

Zanzariera
Zanzariera (Google)

Nell’ambito dei bonus dedicati alla casa è stato confermato anche per l’anno 2021, il cosiddetto “Bonus zanzariere”. Il bonus permette di ricevere uno sgravio fiscale per le spese effettuate entro e non oltre il 31 dicembre 2021. Previsto anche un tetto massimo della spesa detraibile, quantificabile in € 60000 e si  tratta di una detrazione che rientra nell’Ecobonus 50%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Super Lega, finale Champions a rischio: quali sono gli scenari

Bonus zanzariere per l’anno 2021

In parole povere il bonus zanzariere consiste in una detrazione fiscale pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto e l’attacco di zanzariere che devono, obbligatoriamente, raggiungere la schermatura della casa e produrre energia. Per cui devono essere zanzariere comprensive di schermatura solare. Devono essere zanzariere installate in maniera stabile. No zanzariere montabili e smontabili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Vaccino Johnson & Johnson, via libera dell’Ema: “Effetti collaterali rari”

Come avviene per altri bonus riguardanti, ad esempio, la ristrutturazione e la messa insicurezza degli immobili, il beneficiario di tale bonus può scegliere tra lo sconto in fattura o la cessione del credito. Tra coloro che possono usufruire del bonus vi sono tutti i proprietari, i nudi proprietari ed anche gli affittuari, qualora d’accordo con il proprietario.

Le giuste tipologie di zanzariere

Come detto, per poter usufruire del bonus le zanzariere devono possedere caratteristiche specifiche:

Le zanzariere devono avere la certificazione CE;
avere un valore Gtot inferiore a 0,35, certificato da un organismo autorizzato;
devono essere applicate ad una vetrata;
devono essere fisse ed applicate in maniera stabile.

Fondamentale, quindi, è che le zanzariere assicurino una schermatura dai raggi solari, perché questo permetterà un risparmio energetico derivato dal minore utilizzo di condizionatori e climatizzatori.