Denise Pipitone, nell’intercettazione di Anna Corona si sente la voce di una bambina

0
424

Denise Pipitone, una storia drammatica ed infinita che, quasi quotidianamente, offre spunti di riflessione e vana speranza.

La scomparsa di Denise Pipitone è una drammatica vicenda che ebbe il suo inizio il 1 settembre 2004 a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani. La sua scomparsa avvenne mentre si trovava a casa di sua nonna materna. Da allora si sono susseguite infinite chiamate alle forze dell’ordine per ipotetici avvistamenti della bambina. Ogni volta la macchina della speranza si metteva in moto, per poi spegnersi tristemente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Denise Pipitone e Mauro Romano: cosa hanno in comune i 2 bambini scomparsi

Nell’ultimo periodo la vicenda dell’allora bambina siciliana ha vissuto un nuovo capitolo. Una ragazza russa, il cui nome è Olesya Rostova , è apparsa in televisione. Cercava sua madre. La ragazza ha vent’anni, esattamente l’età che avrebbe oggi Denise. La somiglianza è straordinaria. Ma è un sogno che dura poco, il tempo che occorre ad un laboratorio di analisi del gruppo sanguigno della giovane russa. Non è quello di Denise.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Denise Pipitone, il processo: di cosa venne accusata Jessica Pulizzi

Denise Pipitone e l’intercettazione telefonica di Anna Corona

” C’è una telefonata in cui risponde una bambina e una voce, forse femminile, in maniera brusca le dice: ‘Stai zitta’ “. Parla così Roberto Cusani, il consulente di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, un’intercettazione telefonica di  Anna Corona  che viene mandata in onda a ” Mattino Cinque “. Anna Corona è l’ex moglie del padre di Denise, e sembrerebbe che la voce che si sente nell’intercettazione non possa essere attribuibile alle figlie di Corona, dal momento che all’epoca avevano 13 e 17 anni.

Un nuovo capitolo di una straziante vicenda che non deve essere solo fonte di spettacolo televisivo. Una coppia di genitori da quasi vent’anni Attende notizie vere riguardanti la Loro bambina. Perché Denise sarà sempre la loro bambina, anche oggi che, forse, ha vent’anni. La speranza non PUÒ e non deve morire, ma non PUÒ e non DEVE essere alimentata dall ‘ illusione in nome di un maggiore ascolto.