Cagliari-Roma 3-2, successo per la salvezza: Tabellino e Highlights

0
285

I sardi vincono per evitare la retrocessione. Giallorossi con la testa allo United

Cagliari-Roma: Tabellino e Highlights

Cagliari-Roma 3-2, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Cagliari-Roma: Tabellino e Highlights – La Roma avrà giovedì prossimo l’appuntamento più importante della stagione con la semifinale di Europa League da giocare contro il Manchester United di Ole Gunnar Solskjaer, ma prima di questa partita c’è il Cagliari in campionato. I giallorossi avranno chiaramente la testa al match continentale, anche se non è consigliabile perdere punti in una fase così delicata della stagione e la corsa aperta per i piazzamenti europei contro una squadra che di fatto è in piena lotta per la salvezza. Il Cagliari di Leonardo Semplici è intenzionato ad approfittare del momento, nel tentativo di raccogliere punti preziosi alla Sardegna Arena. Per Paulo Fonseca un crash test anche per giocatori importanti della sua rosa che quest’anno sono stati condizionati dagli infortuni, come il difensore inglese Chris Smalling e l’esterno sinistro Leonardo Spinazzola, che rientrano entrambi dopo i problemi fisici accusati nelle ultime settimane. La Roma prova a fare possesso palla sin dall’inizio del match, anche se già al 4′ è il Cagliari a bruciarla in velocità con la rete a freddo di Lykogiannis. Praticamente una doccia fredda, anche se da quel momento in poi la Roma potrà permettersi di attaccare senza dover difendere alcun risultato ed esercitando grande pressione sugli avversari. Nel giro di poco tempo i padroni di casa dovranno così chiudersi nella propria metà campo, anche se Joao Pedro, Pavoletti e Simeone rimangono comunque attivi in avanti, rendendosi pericolosi in contropiede. Soprattutto il fantasista brasiliano, che con già 14 reti in stagione sa rendersi bene pericoloso anche contro la formazione di Paulo Fonseca. Passano però23 minuti, che la Roma trova il gol con Cares Perez, dopo che lo stesso trequartista spagnolo aveva colpito il palo meno di un minuto prima. I giallorossi sembrano così rimettere la partita sul giusto binario, anche se il Cagliari non mollerà affatto e, come se non fosse stato colpito dal pareggio degli avversari, ricomincerà a premere. Partita in equilibrio fino alla fine della prima frazione di gioco, con la Roma in pieno turnover e la squadra di Semplici che comunque è attenta dietro e non rinuncia a fare gioco in avanti. I ventidue in campo rientrano negli spogliatoi per l’intervallo sull’1-1, senza altre particolari azioni degne di nota da segnalare, con la possibilità che Fonseca possa però cambiare tatticamente qualcosa già all’inizio della ripresa.

Ripresa

Per il secondo tempo il tecnico portoghese inserisce subito Spinazzola, nel tentativo di dare vivacità alla manovra offensiva giallorossa e concedere anche ritmo-partita a uno dei suoi uomini più importanti in rosa. La gara sembra tutt’altro che finita, perché nel secondo tempo ci sarà una vera e propria goleada. Prima il Cagliari sembra chiudere il match con l’inserimento e il tiro imparabile di un ottimo Marin. Poi la girata di Joao Pedro, che ancora una volta si riconferma essere uno degli uomini più letali di Semplici. Sul 3-1 i sardi pensano di poter controllare la gara, ma a una decina di minuti dal gol del brasiliano, avvenuto al 57′, il difensore giallorosso Fazio, su calcio piazzato, riesce a segnare il suo primo gol in Serie A quest’anno con un’ottima girata di testa che spiazza completamente Vicario. Conclusione angolata e quasi imparabile che porta il match sul risultato di 3-2 per i padroni di casa. Dopo aver riaperto la partita la Roma si affida ai giocatori mandati in campo da Fonseca a match in corso, ovvero Cristante, Mkhitaryan e Karsdorp, oltre allo stesso Veretout che in mezzo al campo riesce a fare sempre la differenza. Di suo Semplici manda in campo Cerri, Zeppa, Rugani e Duncan, per rendere anche la formazione più solida e difensiva con una retroguardia a cinque. La gara sarà però viva e ricca di occasioni per entrambe le parti fino alla fine, perché Fonseca incita i suoi a trovare il pareggio fino alla fine, mentre per contro Semplici arringa i suoi nel resistere. In ottica salvezza per i sardi questi tre punti possono essere fondamentali in ottica classifica. Gli errori sono tanti, dettati anche dalla fase concitata del match, ma con un minimo di lucidità in più non sarebbe affatto inaspettato vedere qualche altro gol prima del 90′, quando mancano ormai meno di 15 minuti alla fine della partita. Negli ultimi minuti le squadre sui allungano e la Roma ci prova con maggiore convinzione degli avversari, ma il Cagliari difende con ordine e spazza via il pallone dalla propria area, provando a far scorrere i minuti. Molto buona la prestazione di Nandez sulla fascia destra, perché oltre a essere sempre propositivo in avanti, l’uruguaiano ha fiato per contenere anche gli assalti di Spinazzola, certamente più fresco di lui, e recuperare anche il pallone. Con sacrificio e abnegazione il Cagliari riesce così a portare a casa una vittoria preziosissima che porta la formazione sarda a pari punti con il Benevento, nel tentativo di uscire dalla zona retrocessione. La Roma aveva chiaramente la testa al Manchester United e non è riuscita a evitare la sconfitta. Per i giallorossi sarà ora importante preparare bene la gara d’andta con gli inglesi.

 

Potrebbe interessarti anche -> Potrebbe interessarti anche -> Inter-Verona 1-0: Darmian subentra e segna

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Cagliari-Roma: Tabellino e Highlights

Reti: Lykogiannis 4′, Perez 27′, Marin 57′, Joao Pedro 64′, Fazio 69′

Cagliari (3-4-1-2): Vicario, Carboni, Godin, Ceppitelli, Lykogiannis (Zappa 75′), Deiola, Marin (Duncan 83′), Nandez, Joao Pedro, Simeone (Rugani 83′), Pavoletti (Cerri 75′).
Allenatore: Leonardo Semplici

Roma (3-5-2): Pau Lopez, Mancini, Smalling (Cristante 59′), Fazio, Peres (Spinazzola 46′), Villar, Diawara (Veretout 75′), Santon (Karsdorp 59′), Pellegrini (Mkhitaryan 59′), Perez, Mayoral.
Allenatore: Paulo Fonseca

Arbitro: Massimiliano Irrati

Ammoniti: Marin, Joao Pedro, Cristante, Duncan

Espulsi: –

Highlights QUI