Laura Marzadori, chi è la violista vincitrice di tanti premi

0
109

Laura Marzadori, la violinista bolognese già in adolescenza era considerata una delle più grandi musiciste italiane

Laura Marzadori
Laura Marzadori (foto Instagram)

Laura Marzadori è una delle più grandi promesse tra le violiniste italiane. Nata a Bologna nel 1989 si è affermata in vari concorsi musicali come la Rassegna Nazionale Andrea Amati di Cremona e il Premio Nazionale delle Arti di Roma.

Nel 2005, a diciotto anni, vinse il premio violinistico più importante in Italia, il Città di Vittorio Veneto. Quando invece vinse il Premio Gulli per la miglior esecuzione di Mozart, risultò la vincitrice più giovane dalla fondazione del premi a sedici anni.

Tanti sono anche i teatri in cui si è esibita in moltissimi paesi al mondo, dall’Uruguay alla Repubblica Ceca, poi Turchia, Austria, Germania, Stati Uniti e tanti altri ancora. È anche vincitrice del concorso internazionale per primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro della Scala di Milano. Da tempo ormai collabora con direttori di orchestre di fama internazionale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Oscar 2021, Italia a mani vuote: ecco tutti i vincitori

Laura Marzadori, il trio con le sorelle

Foto pagina Facebook Marzadori sisters

Salvatore Accardo, Pavel Berman e Rocco Filippini sono solo alcuni dei nomi più importanti con i quali ha lavorato. Oltre all’impegno alla Scala prosegue a vele spiegate anche la carriera da solista.

Fa parte di un trio fondato quattordici anni fa. Era il 2007 quando con le sorelle Sara e Irene diede vita al trio Sorelle Marzadori.

Il violino è stata da sempre la sua passione, cominciato a suonare a quattro anni con Fiorenza Rosi, insegnante del metodo giapponese Suzuki. Diplomatasi con lode e menzione speciale al Conservatorio Martini di Bologna, per molto tempo è stata accanto a Marco Fornaciari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Fuggitiva, in onda l’ultima puntata del thriller su Rai1

È anche appassionata di moda e su Instagram può contare oltre 112mila followers. Abiti, scarpe e violino, gli scatti sono ricchi di questi oggetti ma di video dove suona neanche l’ombra perché come dichiarò in un’intervista a Chi, quella è una cosa intima e personale.