Bolzano, cadavere nell’Adige: è il corpo di Peter Neumair

0
426

Bolzano, dopo quasi quattro mesi dal delitto questa mattina è stato trovato il corpo di Peter Neumair, ucciso con la moglie dal figlio

Peter Neumair col figlio Benno

Questa mattina è emerso un cadavere dal fiume Adige e c’è la conferma che si tratta del corpo di Peter Neumair. A dare l’allarme è stato un ragazzo a passeggio con il proprio cane vicino la pista ciclabile di Ravina di Trento, vicino al Museo delle Scienze Muse. Sul posto sono subito giunti gli agenti della squadra Mobile della polizia e i Vigili del Fuoco.

Le ricerche sono riprese dopo l’autorizzazione della Procura con tanto di unità cinofila specializzata proveniente da La Spezia. Si attendeva che le temperature delle acque fossero più alte per permettere ai sommozzatori di immergersi.

Il ritrovamento non è avvenuto però grazie all’intervento degli esperti ma per caso quando è stato notato dal giovane che passava di lì.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Enna, prete agli arresti domiciliari per abusi su minori

Reo confetto dell’omicidio è Benno, il figlio 31enne che il 4 gennaio scorso ha ucciso il padre e la madre, Laura Perselli. Il corpo della donna è stato ritrovato dopo circa un mese. Il ragazzo aveva confessato alle forze dell’ordine di essersi liberato dei cadaveri gettandoli dal ponte Vadena.

Delitto di Bolzano, il corpo ritrovato dopo quasi quattro mesi

coniugi scomparsi bolzano
Foto Facebook

Il delitto è stato consumato il 4 gennaio scorso. L’assassino, il figlio Benno, viveva con i genitori a Bolzano in via Castel Roncolo. La coppia aveva anche un’altra figlia, Madè, 25enne specializzando in medicina a Monaco di Baviera.

A dare l’allarme il giorno successivo fu proprio la figlia e le indagini si concentrarono da subito su Benno che da indagato a piede libero dopo qualche settimana fu arrestato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Higuain, morta la madre in Argentina: il motivo

Da alcune testimonianze è emerso che i genitori avevano paura di Benno. Il ragazzo aveva avuto problemi psichici e quando viveva in Germania con la fidanzata fu anche sottoposto a un Tso. In alcuni messaggi che la donna aveva inviato alle amiche era stata manifestato il timore per il figlio e per talo motivo Peter e Laura avevano nascosto tutti i coltelli a casa.