Omicidio Vannini, attesa per domani la sentenza della Cassazione

0
287

Omicidio Vannini, dopo sei anni ecco il giorno delle sentenze che saranno definitive per la famiglia Ciontoli

Marco Vannini

A quasi sei anni dal delitto domani dovrebbe arrivare il terzo e inappellabile grado di giudizio sulla morte di Marco Vannini, giovane ventenne deceduto nella notte tra il 17 e 18 maggio 2015 a Ladispoli, vicino Roma.

Il ragazzo fu colpito da un proiettile mentre era a casa della fidanzata. Nell’ultimo grado di giudizio il padre della ragazza, Antonio Ciontoli, è stato condannato a 14 anni. Condanne anche per gli altri membri della famiglia, la moglie e i due figli, per 9 anni e 4 mesi.

Il ragazzo morì dissanguato mentre era in bagno per fare un doccia. Antonio Cintoli entrò per prendere da una scarpiere una pistola che credeva fosse scarica, ferendo il giovane a un braccio che morì poi dissanguato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Quando Fedez era omofobo: i versi contro Tiziano Ferro

Omicidio Vannini, cosa successe quella notte con le chiamate al 118

sondrio motocross
(screenshot video)

Uno dei punti principali dell’intera vicenda e del processo è la telefonata al 118. Sono due le chiamate. La prima la fa Federico, figlio di Antonio e fratello di Martina, la fidanzata di Marco. A parlare con l’operatore è poi la mamma che riattacca dicendo che avrebbero richiamato in caso di necessità. Dopo mezzanotte una seconda telefonata fatta dal padre. Dice che un ragazzo si è ferito con la punta del pettine mentre si sentono i lamenti del ragazzo sofferente in sottofondo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lampedusa, 532 i migranti arrivati sull’isola nella notte. Salvini: “Inaccettabile, ho scritto a Draghi”

L’ambulanza arriva in meno di dieci minuti e in quel caso Ciontoli comincia a parlare di un colpo accidentale. Viene chiamato anche l’elisoccorso ma purtroppo per Marco Vannini non c’è più nulla da fare e muore nel cuore della notte. Nel processo di appello bis i giudici sentenziano per omicidio volontario con dolo eventuale per Antonio Cintoli mentre per gli altri della famiglia viene riconosciuto l’omicidio volontario anomalo.