Quando Fedez era omofobo: i versi contro Tiziano Ferro

0
1876

Fedez è a favore del Ddl Zan ed è protagonista delle polemiche del 1 maggio ma c’è una vecchia accusa di omofobia

Fedez

Fedez protagonista indiscusso delle polemiche che da ieri sera a oggi (e forse anche nei giorni prossimi) sui fatti del 1 maggio, l’attacco alla Lega Nord di Salvini e la Rai. Il suo nome da giorni trascina anche la legge contro le discriminazioni omofobe del senatore Alessandro Zan e altre relative polemiche.

Fedez si è messo in prima linea per la discussione della legge in una campagna social che ha investito tantissimi artisti. In passato, però, anche il rapper milanese si è trovato invischiato in faccende dove era lui ad essere accusato di omofobia e bullismo. Facciamo un passo indietro e ricostruiamo la vicenda.

È il 2019 e Tiziano Ferro presenta l’album Accetto Miracoli. In conferenza stampa dice che anche le battute omofobe, senza un vero fine offensivo, a un adolescente possono far male. Ai presenti sembra chiaro il riferimento, gli viene chiesto se si riferisce a Fedez e la risposta è affermativa. Anzi, per essere precisi dice che è uno dei tanti. Cosa c’entra il rapper? Anni prima, nel 2011, nel canzone Tutto il contrario cantò “Mi interessa che Tiziano Ferro abbia fatto outing, ora so che ha mangiato più wurstel che crauti”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cuori di biscotto in tutta Italia, la campagna Telethon per la Festa della Mamma

Fedez e l’accusa di omofobia: cosa disse a Tiziano Ferro

cancellato il tour di tiziano ferro
Credit: Daniele Venturelli/Getty Images

Fedez rispose, disse che negli anni aveva dimostrato che l’omofobia è qualcosa che non gli appartiene. In un certo qual modo aveva chiesto scusa proponendo al cantante di Latina di fare qualcosa insieme. La risposta di Ferrò, però, non arrivò, e l’atteggiamento di Fedez fu ben diverso, preso dall’ira.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ue contro Apple: “Abuso di posizione dominate”

Dopo 24 ore senza risposta a quella proposta “costruttiva” Fedez, infastidito dalla parola omofobia associata al suo nome, si chiese se Ferro fosse stato così fiscale anche con altri colleghi che hanno usato espressioni simili nelle proprie canzoni. Secondo il rapper la verità è che a Ferro non sia mai andata già la rima nella canzone Comunisti con il Rolex dove si accennava alla sua questione giudiziaria con il fisco italiano: “Tiziano Ferro si è comprato l’attico di fianco a Fedez, con i soldi risparmiati, a cena con il fisco inglese”