Locatelli: Rischio Covid contenuto se non irrilevante nei giovani

0
203

Covid, Locatelli: Rischio Covid contenuto se non irrilevante nei più giovani. Queste le parole del professor Franco Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico (CTS), durante l’audizione davanti alle commissioni congiunte di Salute e Istruzione del Senato.

“Nella popolazione pediatrica il rischio di andare incontro ad una patologia grave da Covid – 19 è contenuto, se non irrilevante”. Tecnico Scientifico (Cts), il Prof. Franco Locatelli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Vaccini, a Salerno somministrazioni anche senza prenotazioni: i dettagli

“Per tutto questo tempo, fortunatamente, il prezzo pagato in termini di vite perse nella popolazione pediatrica è stato di 19 pazienti sotto i 18 anni che hanno perso la vita quando spesso c’era una patologia concomitante”, ha detto. poi aggiunto Locatelli, “possono però essere esposti a stress in seguito alle misure per contenere la pandemia”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Sicilia, paura vaccino AstraZeneca: 250 mila dosi in frigo

I vaccini in vista del prossimo anno scolastico 

In vista della ripresa effettiva della scuola, a settembre, ha continuato il presidente del Cts, “il prossimo anno, è importante mettere in campo strumenti per una didattica in presenza maggiore maggiore rispetto agli ultimi due anni, con un occhio particolare a quanto attiene il trasporto pubblico locale e con l’attivazione di percorsi vaccinali, una volta che siano approvati dall’agenzia del farmaco, anche per la popolazione pediatrica “, ha detto.

Gli effetti della pandemia

Franco-Locatelli-Onco Ematologia

L’età scolare e adolescenziale sono particolarmente delicate: l’interruzione della didattica in presenza può essere compensata dal papà, indurre comunque una deprivazione del tipo sociale ed emozionale le cui conseguenze non devono essere sottovalutate “, ha poi continuato Locatelli., Parlando degli effetti di questa pandemia e delle sue conseguenze.

“Nel Paese, lo dico senza polemica, c’è stata significativa eterogeneità a livello regionale, con alcuni territori che hanno spinto sul papà anche al di fuori delle indicazioni che erano a livello nazionale: in queste aree l’area dovrà essere particolarmente sviluppata” .

Gli effetti della pandemia, ha proseguito Locatelli, “saranno stimabili solo attraverso un adeguato intervallo temporale”, sebbene siano già presenti nei giovanissimi “sintomi da ansia e sintomi legati alla depressione: per esempio la paura di ammalarsi, che i cari si ammalino, di perdere il contatto con gli amici “, ha visualizzato ancora. In particolare, “la depressione si manifesta nei mesi successivi alle prime restrizioni con una perdita di motivazione e di scopo associato alla difficoltà di vedere una via di uscita”, ha spiegato.

I bambini poi, come conseguenza diretta del periodo di isolamento forzato causato dalla pandemia, hanno modificato la loro maniera di giocare, sia per quanto attiene ai luoghi di gioco sia per la tipologia di gioco. “Vi è un incremento del tempo di utilizzo di strumenti informatici, fattore che può contribuire a sviluppare fenomeni di isolamento sociale”, ha sottolineato.

Locatelli rischio Covid contenuto nei più giovani. Il futuro delle nuove generazioni

“Queste generazioni hanno un percorso con qualche somiglianza a eventi drammatici come la guerra. Il coordinatore del CTS. ” Serve una attività educativa e formativa sul pre e il post school: serve un patto generazionale con gli adolescenti “.

Un altro tema connesso, riguarda poi il rischio obesità per i più giovani. “Lo stress influisce sul comportamento e la salute mentale e anche sui meccanismi che riguardano i bisogni primari, con un regime alimentare scomposto. Tutto questo nel tempo può aiutare allo sviluppo di obesità a breve ea lungo termine”, ha detto. Parole importantissime, tenuto conto anche dello straordinario spessore professionale che contraddistingue il coordinatore del CTS Franco Locatelli.

Parole che la politica dovrà tradurre in azioni complete, perché i giovani, soprattutto i più giovani, sono coloro che hanno più sofferto gli effetti psicologici devastanti della pandemia. Loro devono essere la categoria più tutelata perché il futuro sarà loro soltanto se potranno vivere serenamente il loro presente.