Wuhan dimentica il Covid: in migliaia senza mascherina a un concerto

0
105

Le immagini del mega concerto organizzato nel weekend a Wuhan hanno fatto il giro del mondo: migliaia di persone si sono assembrate senza mascherine come se il Covid non esistesse più.

covid, concerto a wuhan con migliaia di persone senza mascherina
(screenshot video)

A Wuhan, epicentro della prima ondata della pandemia, il Covid sembra ormai essere soltanto un ricordo. Stanno facendo discutere le immagini dello Strawberry Music Festival, un evento della durata di due giorni che ha visto esibirsi band e cantanti del Paese su tre palchi all’interno del Garden Expo della città in provincia dell’Hubei.

Mentre lo scorso anno il mega concerto era stato annullato per contenere l’emergenza sanitaria, questa volta è arrivato il via libera per l’organizzazione: Wuhan si è così trasformata in un simbolo di rinascita. Le foto e i video del pubblico festante assembrato per i vari concerti raccontano una realtà completamente diversa da quella che ancora sta vivendo l’Italia, e in generale l’Europa, dove i numeri di morti e contagi faticano a scendere.

Ti potrebbe interessare anche -> Cina, raccontò il Covid da Wuhan: blogger condannata per fake news

Covid, mega concerto a Wuhan senza distanziamento e mascherine: i dettagli

Secondo i dati dell’agenzia Reuters, a partecipare al festival cinese, andato in scena lo scorso fine settimana, sono state 11mila persone provenienti da tutto il Paese, senza distanziamento sociale e mascherine. Gli organizzatori hanno spiegato che il pubblico sarebbe potuto essere superiore se non fosse stato disposto un limite alla capienza.

Davanti ai tre palchi sono state installate le barriere per verificare che il limite di persone presenti nelle distinte aree venisse rispettato. Uno dei giovani partecipanti dello Strawberry Music Festival ha raccontato alla Reuters la sofferenza causata lo scorso anno dal Covid, sottolineando di essere felice e soddisfatto di poter finalmente tornare a partecipare a un evento musicale.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid, l’Oms fa luce sull’origine della pandemia: l’esito dell’indagine in Cina

“Non è stato facile arrivare dove siamo oggi – ha detto – Le persone hanno fatto enormi sforzi e hanno pagato un prezzo molto alto a causa del virus. Quindi sono molto entusiasta di essere qui al festival”. Il lento ritorno alla normalità della città di Wuhan è iniziato a gennaio, quando sono state riaperte anche le discoteche. In Cina, dopo una forte accelerazione della campagna vaccinale, secondo le autorità si registrano solo alcune decine di infezioni quotidiane.