Covid: padre e figlia morti nel giro di pochi giorni nel Salento

0
246

Gagliano del Capo, siamo in provincia di Lecce, una donna di 42 anni, Amalia Cucinelli è deceduta dopo aver lottato contro il Covid-19.

Circa 20 giorni prima era venuto a mancare suo padre Cosimo, il contagio sembra esser partito proprio nell’azienda dove lavorava la donna di 42 anni.

Il comune conta poco più di 5.000 abitanti, si trova in provincia di Lecce, in Puglia, per via del Coronavirus sono morti sia un padre che sua figlia, Amalia Cucinelli.

La donna è deceduta 20 giorni dopo la morte di suo padre Cosimo Cucinelli, i due sono state le ennesime vittime del Coronavirus, la comunità salentina è rimasta scioccata per la velocità degli avvenimenti.

La donna era stata ricoverata presso l’ospedale “Dea del Vito Fazzi” di Lecce, dove le sue condizioni sono peggiorate sempre più. Sembra che il contagio sia avvenuto proprio nell’azienda della donna in cui lavorava.

Oggi si sono tenuti i funerali della donna di 42 anni, l’avvenimento ha scosso come se fosse un fulmine a ciel sereno tutta la comunità salentina, 20 giorni prima la famiglia Cucinelli si era stretta per la morte di Cosimo.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: “Mio fratello è morto di Covid”, il dramma dell’attrice e influencer

Gagliano del Capo, 20 giorni prima perdeva la vita Cosimo, il padre di Amalia

L’uomo era un dipendente in pensione del Comune di Gagliano, aveva 70 anni, è deceduto il 20 Aprile. Con Amalia anche sua madre e la sorella maggiore hanno contratto il virus, per poi diventare negative nel corso dei giorni a venire.

Suo fratello gemello, Salvatore con sua madre e l’altra sorella ha dovuto assistere alla lenta dipartita della sorella, cercando di stringersi quanto possibile ad amici e conoscenti.

Molti messaggi di cordoglio per la famiglia e soprattutto per Amalia sono stati scritti sui social media, la quale lascia suo marito Alfredo da circa 3 anni erano sposati.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Casarano, Gianni Sarcinella morto a 44 anni: ucciso dal Covid – 19

Il suo amico Maurizio le ha scritto una dedica, dove racconta di averla vista per 8 anni ogni giorno in fabbrica, ogni mattina si salutavano con il sorriso sulla bocca, dandosi il buongiorno. Ancora non riesce a farsene una ragione, proprio come un’altra sua collega Imma, la quale non conoscendola personalmente, ha pregato tutti i giorni per Amalia sperando che riuscisse a sconfiggere una volta per tutte il Covid-19.