Paola Landini, resti ritrovati a Sassuolo: un’ipotesi terribile

0
352

Paola Landini, oggi cominceranno le analisi delle ossa che sono state ritrovate in un fosso a Sassuolo, durante le ricerche per Alessandro Venturelli sono spuntate delle ossa.

Paola Landini, ritrovate delle ossa umane mentre si ricercava un ragazzo scomparso, potrebbero appartenere alla donna scomparsa 44 anni fa (Il Resto del Carlino)
Paola Landini, ritrovate delle ossa umane mentre si ricercava un ragazzo scomparso, potrebbero appartenere alla donna scomparsa 44 anni fa (Il Resto del Carlino)

La procura di Modena ha riaperto il fascicolo, per poi disporre l’analisi delle ossa umane ritrovate nella zona vicino al Poligono di Tiro di Sassuolo, proprio mentre si stava ricercando il 20enne Alessandro Venturelli.

Dai primi accertamenti e indagini, svolti dopo il ritrovamento, le ossa sembrano appartenere ad una donna, nella giornata odierna ci saranno gli accertamenti specialistici del DNA per stabilire se si tratta della donna di 44 anni scomparsa nel mese di Maggio del 2012.

La donna era scomparsa proprio nella stessa zona del tiro a segno, le analisi condotte dal consulente di medicina legale della Procura di Modena serviranno ad eliminare ogni dubbio sull’identità dei resti.

Gli esperti cercheranno di capire se è possibile risalire alle cause della morte, ci sono in ballo diversi interrogativi ai quali c’è bisogno di risposte, intanto il fascicolo della donna di 44 anni scomparsa è stato riaperto, e con esso sono state riaperte anche le indagini.

La donna fece perdere completamente le sue tracce il 15 Maggio di circa 9 anni fa, dopo la sua scomparsa l’automobile, una Fiat Punto venne trovata chiusa vicino al Tiro a segno, al suo interno c’erano diversi effetti personali, tra i quali il suo portafogli e due cellulari, uno dei due era totalmente sconosciuto alla famiglia.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Tiziano Allegretti: a 16 anni dalla scomparsa è ancora giallo

Paola Landini, cosa è accaduto alla donna scomparsa 9 anni fa

I resti della presunta donna sono stati rinvenuti proprio mentre le squadre del soccorso alpino stavano cercando i resti o qualche indizio circa la scomparsa di Alessandro Venturelli, il giovane di 21 anni scomparso a Dicembre.

La teoria che le ossa possano appartenere alla donna di 44 anni scomparsa, è stato il ritrovamento di due pistole accanto ai resti, infatti la donna era un’assidua frequentatrice del poligono di tiro.

Prima che si perdessero le sue tracce, la donna si è recata proprio al poligono di tiro, con la donna scomparvero anche due pistole, le quali potrebbero essere le stesse recuperate qualche giorno fa.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Alessandro Venturelli, riprese le ricerche del giovane scomparso

Il procuratore di Modena ha cercato di sollecitare i medici e i controlli legali, affinchè le indagini siano svolte in maniera rapida sulle ossa e soprattutto sulle pistole ritrovate.

Il compagno della donna scomparsa sta cercando di capire da circa 9 anni cosa le sia successo, e perché sia scomparsa, ha dichiarato che se venisse confermata l’ipotesi che i resti siano della donna, allora saprebbe dove portare un fiore per poi recitare una preghiera ogni giorno.