ATP Roma: Sonego clamoroso, battuto Thiem e nei quarti c’è Rublev

0
259

Incredibile risultato agli ATP Roma: un Lorenzo Sonego clamoroso fa l’impresa, battuto Thiem e nei quarti c’è Rublev.

(Clive Brunskill/Getty Images)

Una battaglia incredibile ma alla fine Lorenzo Sonego, l’azzurro numero 33 al mondo, ma che con questo piazzamento sicuramente si porterà ancora avanti in classifica, l’ha spuntata. Battuto il grandissimo favorito della vigilia, l’austriaco Dominic Thiem e nella tarda serata di oggi l’Italia dimentica le delusioni per le sconfitte di Matteo Berrettini contro Stefanos Tsitsipas e di Jannik Sinner contro Rafa Nadal.

Ti potrebbe interessare anche -> ATP Cagliari: Sonego batte Djere e conquista il 2° titolo della carriera

Ci si attendeva l’impresa da uno di questi due tennisti, infatti, e invece a spuntarla staccando il pass per i quarti è il solito e insospettabile Lorenzo Sonego, il 25enne torinese che ha migliorato di molto il suo tennis e dopo aver ottenuto risultati prestigiosi tra fine 2020 e inizio 2021, stacca un altro pass importante.

Ti potrebbe interessare anche -> Tennis, Sonego-Rublev: il russo è troppo forte ma l’azzurro non sfigura

Sonego batte Thiem in tre ore e mezzo, adesso la rivincita con Rublev

Un quarto proibitivo contro il numero quattro al mondo quello di stasera per Lorenzo Sonego, che l’ha spuntata dopo 3:28 di gioco e due tie-break, nel secondo e terzo set, il primo perso e il secondo ovviamente vinto. Nel primo set, all’azzurro basta un break di vantaggio per chiudere sei a quattro, ma poi ovviamente inizia una battaglia durissima. Due sono i break per Thiem a fine partita, uno in più per Sonego: oltre a quello del primo set, che gli consente di chiudere, quello sicuramente più importante arriva al terzo set.

Infatti, sul 5-3 Thiem va a servire per il match: Sonego compie quello in cui forse nessuno più sperava, anche il più ottimista dei tifosi. Si prende il break, poi impatta la partita e spinge l’avversario al tie-break, dove si impone sette a cinque. Nove gli ace per Sonego, otto per l’avversario, mentre sono tante le palle break sprecate dall’azzurro: appena tre quelle conquistate su 14. Adesso c’è Andrej Rublev, un quarto di finale che sa di rivincita dopo la sconfitta in finale a Vienna il primo novembre scorso.