Roma, drogato e violentato da due conoscenti: due arresti

0
112

Altro episodio di violenza sessuale a Roma: un giovane è stato violentato, dopo essere stato drogato con il “Ghb”, la “droga dello stupro”, da due suoi conoscenti

(Getty Images)

Non solo le donne vittime di violenza sessuale dopo essere state drogate: due giovani, di 32 e 35 anni, sono stati fermati dagli agenti della Polizia di Stato, e poi ristretti ai domiciliari, per aver drogato e violentato un loro conoscente. Sui due gravano i capi d’accusa di violenza sessuale di gruppo, lesioni e, per uno degli indagati, di spaccio di sostanze stupefacenti.

LEGGI ANCHE –> Roma: violentata la dipendente di una scuola

La vicenda risale allo scorso autunno e ha avuto come sfondo l’appartamento di uno dei due arrestati ai Colli Albani, amena cittadina alle porte di Roma: un giovane, poco dopo le 5 di mattina, è stato soccorso dagli operatori sanitari del 118 e dagli agenti della Polizia di Stato in un bar di Colli Albani. Il ragazzo, sebbene a fatica in quanto in preda all’agitazione, ha raccontato di aver assunto droghe e di essere stato stuprato da due suoi amici: i successivi accertamenti clinici hanno confermato sia la violenza sessuale che l’assunzione di sostanze stupefacenti.

Roma, drogato con il “Ghb” e violentato da due conoscenti: 2 arresti

Durante le indagini, condotte dagli investigatori del Commissariato Appio, è emerso che la vittima, dopo aver cenato e assunto sostanze stupefacenti nell’appartamento di uno dei due arrestati, tra cui a sua insaputa anche il Ghb, acido organico tristemente noto come “droga dello stupro”, è stato improvvisamente invitata ad andare via. La stessa, però, poco dopo è ritornata sui suoi passi con l’intento di farsi riaccompagnare a casa: i due ne hanno approfittato per stuprarla, entrambi, dietro minacce, e poi l’hanno di nuovo messa alla porta non prima di averla minacciata che avrebbero mostrato il relativo video al suo fidanzato se avesse rivelato denunciato, o rivelato a qualcuno, le violenze sessuali subite.

LEGGI ANCHE –> Violenza sulle donne, contatta un sicario sul dark web per far sfigurare con l’acido la ex: arrestato

I poliziotti, dopo una serie di accertamenti, sono quindi giunti all’identificazione dei 2 violentatori, entrambi romani, consentendo così alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma di adottare nei loro confronti le sunnominate misure restrittive della libertà personale.