Violenza sulle donne, contatta un sicario sul dark web per far sfigurare con l’acido la ex: arrestato

0
100

Violenza sulle donne, un uomo è stato arrestato per aver progettato di sfigurare la ex con l’acido. Nel dettaglio si era rivolto ad un sicario rintracciato sul “Dark web”

Violenza sulle donne
Violenza sulle donne

Un uomo di 40 anni, residente in Lombardia, è stato arrestato per aver progettato di sfigurare con l’acido la ex. Nel dettaglio, l’uomo, aveva contattato su Internet un sicario per commissionargli il terribile servizio.

L’uomo aveva già pagato una prima parte del compenso al sicario tramite bitcoin. È la prima volta che, attraverso queste tipologia di investigazioni, gli inquirenti del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, della Squadra Mobile e della Polizia Postale di Roma riescono a individuare e a mettere fine una grave intenzione nascosta dietro la Dark Web.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Violenza sulle donne, la Turchia esce dalla Convenzione di Istanbul: in migliaia in piazza

Violenza sulle donne, come si sono svolte le indagini

La vicenda giunge all’attenzione degli investigatori lo scorso febbraio, grazie ad una segnalazione dell’Interpol: la polizia di un Paese europeo aveva tracciato alcune conversazioni attinenti a un oscuro delitto su pagamento tramite la Dark Web.

Un cliente anonimo chiedeva a un intermediario l’ingaggio di un sicario, con l’intento di sfregiare con l’acido una donna e indurla alla sedie a rotelle. Tuttavia l’indagine, diretta dalla procura delle Repubblica di Roma ed eseguita insieme dal Servizio Polizia Postale delle Comunicazioni, dalla Squadra Mobile di Roma e dal Compartimento Polizia Postale per il Lazio, ha consentito di identificare la vittima e di fare luce su ciò che stava accadendo.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Incidente sulla A1, coinvolti cinque camion: coda di dieci chilometri

Gli investigatori della Polizia Postale, con il prezioso contributo della cooperazione di Europol, che ha effettuato l’analisi delle transazioni finanziarie e che ha supportato le complesse attività investigative per i risvolti internazionali, hanno identificato il responsabile della crudele intenzione. Si trattava di un ex della donna, un 40enne esperto informatico che, stando a quanto evidenziato, pare fosse ossessionato dalla ex fidanzata e che già praticava una sorta di stalking nei suoi confronti.