Toscana: studentessa vaccinata per errore con 4 dosi di Pfizer

0
216

Sotto monitoraggio le condizioni di salute della giovane studentessa a cui sono state somministrate per errore 4 dosi di vaccino Pfizer

studentessa Pfizer

Una studentessa 23enne di Massa è stata vaccinata per errore con 4 dosi di vaccino Pfizer in un’unica somministrazione. L’errore è avvenuto domenica scorsa presso l’Asl Toscana nord-ovest. La giovane aveva avuto accesso alla somministrazione in quanto tirocinante psicologa.

La studentessa ha dichiarato che per l’infermiera che ha commesso l’errore non ci saranno conseguenze legali. “Vorrei incontrare l’infermiera, per dirle di non sentirsi in colpa e di non avere paura per me. Sto bene e vorrei che insieme superassimo questo momento”.

Al momento della somministrazione era presente anche un altro medico. Secondo quanto riportato dall’Asl “è stato necessario attivare anche l’unità di psicologia clinica ospedaliera per seguire i due sanitari distrutti dal dolore e dalla preoccupazione”.

Leggi anche -> Rapporto dell’Aifa, 18 milioni di dosi di vaccino, accertate 56mila reazioni avverse

Le condizioni di salute della studentessa

La madre di Virginia, questo il nome della giovane studentessa vittima dell’errata somministrazione vaccinale, ha rilasciato un’intervista alla Nazione in cui riferisce le condizioni di salute della figlia.

Secondo quanto dichiarato dalla madre, la studentessa ha riportato forte dolore e gonfiore al braccio che ha subito l’iniezione, febbre, dolore alla testa ed alle ossa, pallore ed una forte disidratazione. La ragazza dopo aver bevuto 4 litri d’acqua aveva le labbra secche ed ancora era ancora assetata.

La ragazza è stata una notte sotto osservazione, adesso si trova a casa. L’Asl ha dichiarato in merito “la giovane verrà monitorata nei prossimi mesi dal Careggi di Firenze, a cui verranno inviate le analisi del sangue della ragazza ogni settimana”.

Per quanto riguarda l’efficacia o meno del vaccino, quest’ultima è probabilmente da escludere, in quanto il superamento della dose consigliata potrebbe aver annullato la produzione di anticorpi. Quindi la studentessa potrebbe dover sottoporsi a vaccino nuovamente.

Valentina Marino direttore medico di Pfizer Italia, ai microfoni di Sky Tg24 ha dichiarato: “Non sappiamo cosa succederà perché non sono mai stati rilevati episodi analoghi” concludendo “Non dovrebbe succedere nulla di grave”.