Andrea Montovoli: dal carcere al riscatto, la storia dell’attore

0
224

La vita privata di Andrea Montovoli: dal carcere al riscatto, la storia dell’attore che da giovanissimo ha avuto problemi di droga.

(screenshot video)

Oggi grazie alla partecipazione a diverse pellicole e a reality show che lo hanno reso noto al grande pubblico, Andrea Montovoli – emiliano di nascita – è sicuramente uno degli attori più amati nel nostro Paese. Ma nel suo passato ci sono alcune vicende che lo hanno sicuramente segnato. Vicende delle quali lui stesso ha scelto di parlare, nel corso di questi  ultimi anni, in diverse interviste a settimanali e riviste.

Ti potrebbe interessare anche -> Andrea Montovoli, single o fidanzato? Chi è Roberta Fontana

Non solo, Andrea Montovoli ha raccontato la sua esperienza anche nel corso di interviste, ospitate e partecipazioni a programmi televisivi. Un’esperienza la sua che sicuramente ha contribuito a cambiarlo e oggi grazie al cinema e alla televisione gli ha dato una grande opportunità di riscatto.

Ti potrebbe interessare anche -> Lea T, chi è la modella: carriera e curiosità, il padre famoso

Arrestato per droga, Andrea Montovoli racconta l’esperienza del carcere

In particolare, in una precedente intervista a ‘Verissimo’ – dove torna a raccontarsi nella puntata del 15 maggio – Andrea Montovoli ha spiegato di essere rimasto orfano di padre quando aveva 12 anni e che giovanissimo è poi rimasto coinvolto in una vicenda di spaccio, “che ho intenzione di raccontare, perché ad oggi noi persone dello spettacolo possiamo il buono e il cattivo esempio”. L’attore allora era un ragazzo come tanti, che purtroppo dipendeva dagli stupefacenti e che per ragioni legate alla droga venne arrestato.

Quell’esperienza carceraria è durata sei mesi, ma ha sicuramente cambiato molto del modo di pensare dell’attore emiliano. Dopo il carcere, per lui è arrivato un periodo in una comunità di recupero e oggi Andrea Montovoli è una persona rinata. Quell’esperienza ha fatto sì che potesse di fatto rifarsi una vita: “È una storia che voglio raccontare scrivendola, perché possa essere da esempio. Oggi l’Andrea che si guarda allo specchio sorride, perché grazie a quell’errore sono diventato attore”.