Bergamo, travolto da un camion: muore operaio

0
162

Un operaio di 53 anni è morto dopo essere stato travolto da un camion che stava effettuando la retromarcia nel piazzale dell’azienda presso cui lavorava

(Screeshot video)

Altro incidente mortale sul lavoro in provincia di Bergamo. Dopo le tragedie del 6 e dell’8 maggio, costate la vita a Maurizio Gritti e Marco Oldrati, un operaio di 53 anni è morto a Spirano, sempre in provincia di Bergamo, mentre si trovava nel cortile dell’azienda in cui lavorava. L’uomo, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato schiacciato da un camion di una ditta esterna che stava procedendo in retromarcia.

LEGGI ANCHE –> Incidente a Corciano: Perugia piange la morte di una bambina, mentre gravissima la madre

Immediati i soccorsi da parte degli operatori sanitari del 118, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Sul posto si sono recati anche i carabinieri, la polizia locale, il sindaco di Spirano Yuri Grasselli e i tecnici di Ats Bergamo. L’area è stata posta sotto sequestro così come il mezzo pesante coinvolto nell’indicente.

Bergamo, travolto da un camion: muore operaio. Il cordoglio dei sindacati

La vittima era originaria di Orio al Serio, di professione mulettista, ed era dipendente della ditta “De Berg” che produce polistirene espanso. Il sindaco di Spirano Yuri Grasselli, interpellato dall’Adnkronos, ha spiegato che i familiari della vittima hanno chiesto di rispettare il loro dolore: “Mi dispiace per lui e per la sua famiglia. Ero presente sul luogo dell’incidente, sono in contatto con i familiari che mi hanno chiesto di tenere il massimo riserbo e lo rispetto“.

LEGGI ANCHE –> Tragico incidente stradale a Pieve San Giacomo, morti padre e figlia

Immediato il cordoglio dell’organizzazione sindacale UGL: “L’incidente mortale a Spirano, in provincia di Bergamo, è l’ennesima tragedia sul lavoro che colpisce l’Italia. L’UGL è accanto al dolore della famiglia e della comunità cittadina colpita da questo grave lutto”. Nella nota congiunta, a firma di Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, e Claudio Morgillo, Segretario UGL Lombardia, si ribadisce come la sicurezza sul lavoro, la formazione e una maggiore cultura della tutela sui luoghi di lavoro siano indispensabili. Al tal proposito viene anche ricordato che la manifestazione “Lavorare per vivere“, promossa proprio dall’UGL, è finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’emergenza delle morti sul lavoro.