Finale Coppa Italia 2021, Annalisa canterà l’Inno d’Italia

0
177

Sarà Annalisa a cantare l’Inno di Mameli in apertura della Finale di Coppa Italia 2021, stasera, tra l’Atalanta e la Juventus

(Getty Images)

Dopo lo scudetto che già da qualche settimana ha preso la strada di Milano, sponda nerazzurra, stasera allo Stadio “Mapei”-Città del Tricolore di Reggio Emilia verrà assegnata la Coppa Italia 2021: a contendersela la sorprendente Atalanta che ha appena conquistato l’accesso alla prossima edizione della Champions League per il terzo anno consecutivo e gli ex campioni d’Italia, detronizzati dai nerazzurri meneghini dopo 9 anni di regno incontrastato, che stanno vivendo il momento più difficile della loro storia recente. Dunque, sarà una battaglia fino all’ultimo minuto, con la Juventus che proverà a vincere il trofeo non tanto per salvare la stagione, partita con ben altri obiettivi, ma come iniezione di autostima in vista dell’ultima partita di campionato in cui si deciderà la sua qualificazione alla prossima edizione della “Coppa dalle grandi orecchie”.

LEGGI ANCHE –> Franco Battiato, il fratello racconta gli ultimi momenti di vita del Maestro

Dopo il Festival di Sanremo 2021 che l’ha vista classificarsi al settimo posto con il pezzo Dieci, sarà Annalisa a cantare l’Inno di Mameli all’apertura della Finale di Coppa Italia, la TIMVISION Cup: la cantante ligure eseguirà l’Inno italiano prima del fischio di inizio. “Non vedo l’ora“, ha commentato Annalisa sul proprio profilo Instagram.

Finale Coppa Italia 2021, sarà Annalisa a cantare l’Inno di Mameli. Le polemiche per l’esecuzione di Sergio Sylvestre dell’anno scorso

Attesa, dunque, per il verdetto del campo ma anche per la performance canora della bella e brava cantante ligure, altro talento sbocciato nella scuola di “Amici” di Maria De Filippi, alla luce delle polemiche sollevate dall’esibizione di Sergio Sylvestre dell’anno scorso: il cantante americano, vincitore di “Amici”, venne bersagliato di insulti e commenti anche a sfondo razzista per aver steccato durante l’esecuzione dell’Inno di Mameli. Sylvestre, esibitosi in uno stadio totalmente vuoto nel tragico 2020 del lockdown, cosa che non avverrà stasera dal momento che in 4500 assisteranno dalle gradinate del “Mapei Stadium” al match, ammise di essere rimasto vittima dell’emozione e si scusò per lo sbaglio ma ciò non bastò per fermare l’ondata di feroci critiche tanto che la sua collega Elodie scese in campo per difenderlo pubblicamente.

LEGGI ANCHE –> Meteo, la tregua dura poco tornano i temporali: allerta in quattro regioni

Per la cronaca, negli ultimi dieci anni l’onore di intonare l’Inno alla finale di Coppa Italia è toccato a Lorenzo Licitra (nel 2019), Noemi (2018), Lodovica Comello (2017), Lorenzo Fragola (2016), Chiara Galiazzo (2015), Alessandra Amoroso (2014), Malika Ayane (2013), Arisa (2012), Emma (2011).