Morto suicida a 24 anni Alberto Pastore, aveva ucciso il suo migliore amico

0
177

Si è tolto la vita Alberto Pastore, il giovane che aveva ucciso a coltellate il migliore amico per poi confessare il delitto sui social

Alberto Pastore

Alberto Pastore si è tolto la vita. Il 24enne non è riuscito a convivere con il pensiero del delitto commesso. Era l’agosto del 2019 quando Pastore ha ucciso a coltellate Yoan Leonardi, il suo migliore amico. Il delitto è stato compiuto a seguito di un’accesa litigata tra i due scoppiata per motivi passionali.

Pastore ha poi confessato l’atroce gesto via social network, prima su Instagram e poi con un post su Facebook. “Ho scoperto troppe cose dal mio migliore amico. Non potevo continuare in questo modo, sono stato preso in giro. Nella mia vita ho commesso troppi errori e il mio errore più grande è questo. Mi mancherete tutti”. Queste le parole che il 24enne ha scelto per confessare il delitto.

Il suicidio di Alberto Pastore

Nel momento in cui Alberto Pastore ha deciso di togliersi la vita si trovava in carcere a Novara dove stava scontando la pena di 14 anni inflittagli come condanna per l’omicidio compiuto. E’successo un mese fa, il 24enne è stato subito trasportato presso l’ospedale di Torino dove le sue condizioni di salute sono peggiorate fino ad arrivare al decesso, avvenuto il 14 maggio scorso.

Leggi anche -> Antonietta Vasquez, omicidio o suicidio: il giallo, cosa è successo

C’era da aspettarsi che Alberto Pastore avrebbe tentato di togliersi la vita, il giovane aveva manifestato l’intenzione di uccidersi al giudice delle indagini preliminari e anche sui social, “Eh ragazzi, come ben sapete io ho fatto una cazzata e adesso sto pensando a come suicidarmi perché non potrò mai vivere con questa cosa che mi tormenterà. A me dispiace più che altro per Yoan, per Sara, per tutte le persone che mi conoscono. Adesso non so se Yoan ci sarà ancora, ma il mio obiettivo era quello di far vedere alla gente che per amore non bisogna mai intromettersi nelle faccende altrui. Anzi, è meglio pensare a sé stessi e farsi la propria vita senza tenere tutto nascosto al proprio migliore amico”.