Elena Tsagrinou, la cantante a Eurovision: ecco chi è

0
849

Carriera e curiosità su Elena Tsagrinou, la cantante a Eurovision: ecco chi è, la sua canzone a rischio squalifica, il motivo.

(Instagram)

Nata il 16 novembre 1994 ad Atene, la cantante Elena Tsagrinou, con il suo brano ‘El Diablo’, rappresenta Cipro agli Eurovision Song Contest 2021, che vedono per l’Italia in gara i Maneskin con il brano ‘Zitti e buoni’, già vincitore all’ultimo festival di Sanremo. Seguita sul suo profilo Instagram da 130mila follower, la ragazza fin da giovane, è stata coinvolta nella musica e ha frequentato un Liceo Musicale.

Leggi anche –> Hooverphonic: che fine aveva fatto la band rilanciata da Eurovision

Il suo esordio è nella trasmissione Ellada Eheis Talento, l’equivalente del nostro Italia’s Got Talent. Legata alla sua famiglia, ha una sorella minore, Villy, nata nel 1998. Nell’estate del 2013, è stata audita dalla band OtherView (dopo il ritiro di Crystallia dalla band). Con loro, ha militato fino al 2018, come voce solista, facendosi notare per la sua bravura.

Leggi anche –> Stefania, la più giovane cantante a Eurovision: età, successi, Instagram

Cosa sapere su Elena Tsagrinou, la cantante greco cipriota a Eurovision

A metà del 2018, la Tsagrinou ha annunciato il suo ritiro da OtherView, dopo aver completato cinque anni di collaborazione, al fine di perseguire una carriera da solista. Dopo il suo ritiro da OtherView, ha iniziato i preparativi per il suo primo album personale, mentre nel giugno 2018 è apparsa ai MAD Video Music Awards, eseguendo un remix del brano di Panos Kiamos “Thelo Na se Xanado” con Bo. A luglio 2018, esce invece la sua prima traccia da cantante solista.

Dopo una serie di successi, il 25 novembre 2020, è stato annunciato che rappresenterà Cipro all’Eurovision Song Contest 2021, a Rotterdam, Paesi Bassi, con la canzone “El diablo”. Il brano è finito al centro delle polemiche per il suo contenuto e in particolare per la frase “Ho dato la mia anima al diavolo, perché lui mi ha detto che sono il suo angelo”, ritenuta estremamente offensiva per la cultura cristiana.