Gigi Proietti, l’ultimo regalo del grande attore

0
173

Gigi Proietti, l’ultimo regalo del grande attore, Il libro che aveva iniziato e che la sua famiglia ha portato a termine.

Gigi Proietti
Gigi Proietti (Getty Images)

2 novembre 2020, da circa ventiquattro ore si inseguivano notizie allarmanti sulle sue condizioni di salute. Collegamenti dei vari telegiornali nazionali dall’ospedale dove era ricoverato. Problemi di cuore, raccontavano. Quel giorno fu il giorno in cui un grandissimo attore ci lasciava, il suo nome era Gigi Proietti ed era anche il giorno del suo ottantesimo compleanno. Occorre una definizione del grande attore romano? Semplicemente un mattatore, come il grandissimo Vittorio Gassman, soltanto che, in più, sapeva anche cantare. Anche quello lo sapeva fare benissimo.

Ti potrebbe interessare >>>  Gigi Proietti: la figlia Carlotta protagonista ad Ulisse

Cinema, Teatro, Televisione, ovunque fosse il campo lo reggeva in maniera Maiuscola. Sono passati sei mesi dalla sua scomparsa, non è certo passato il rimpianto di averlo perduto. Ma il ricordo va sempre alimentato e in questo senso la famiglia Proietti è adoperata per regalare ai tanti appassionati di Gigi un cadeau indimenticabile. Si tratta di un’opera familiare, che prende avvio da un libro che il mattatore aveva iniziato a scrivere e purtroppo non ha potuto terminare. ‘Ndo cojo cojo. Sonetti e sberleffi fuori da ogni regola “, questo è il titolo del libro, uscito il 20 aprile scorso.

Gigi Proietti e le parole di sua figlia Carlotta 

Gigi-Proietti
Gigi-Proietti (Getty Images)

“E ‘stata una vera e propria avventura, quando papà ci ha lasciati ci siamo ritrovati con questa perla tra le mani e non sapevamo bene cosa farne. Abbiamo pensato a cosa avrebbe fatto lui ed abbiamo deciso di pubblicarlo. Abbiamo integrato il testo originale con dei sonetti, delle poesie, degli aneddoti e delle parti in prosa. Abbiamo aggiunto anche dei disegni, alcuni dei quali sono stati realizzati da papà, altri da mia sorella Susanna “. In tutto vi sono circa ottanta sonetti scritti tra il 1997 e il 2020, insieme a una quindicina di poesie in versi liberi e alcune riflessioni scritte durante il lockdown della scorsa primavera.

Ti potrebbe interessare >>>  Gigi Proietti, l’allegro ricordo di Montesano: “Che mandrakata” – VIDEO

Leggendoli ci ritorna in mente la sua voce, come se li stesse declamando lui stesso, in persona. E ‘uscito ad aprile, ma sarebbe stato uno splendido regalo da mettere sotto l’albero di Natale. Un archivio immenso di un artista immenso. Un Grazie di cuore a Sagitta, Susanna e Carlotta Proietti e … a Gigi.