Calciomercato, Ronaldo saluta la Juventus via social: ecco dove andrà

0
1319

Con un post comparso sul proprio account Instagram ufficiale poco prima della mezzanotte del 24 maggio Cristiano Ronaldo ha di fatto detto addio alla Juventus: si apre così la telenovela del calciomercato estivo del 2021. Ecco come finirà.

Calciomercato Juventus Ronaldo

Con un lungo post apparso sul proprio account ufficiale Instagram poco prima della mezzanotte di ieri, lunedì 24 maggio, Cristiano Ronaldo di fatto dice addio alla Juventus. I segnali, in realtà, c’erano tutti da tempo. Dal lancio della fascia da capitano, alla maglietta gettata a terra, dal trasloco del lussuoso parco auto al silenzio assordante sul destino di Andrea Pirlo.

Mancava una dichiarazione pubblica su se stesso e sul proprio destino, vuoto colmato con il post Instagram di ieri. Le frasi di Cristiano Ronaldo non sono banali ne di circostanza. “La vita di un top player – si legge nella traduzione più o meno letterale del post – è fatta di alti e bassi” e spiega.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Cristiano Ronaldo trasloca, porta via le auto di lusso – VIDEO

“Quest’anno non abbiamo vinto la Serie Aprosegue CR7ma vanno in bacheca Supercoppa italiana, Coppa Italia e classifica cannonieri”. Nel post il campione della Juventus sottolinea il proprio percorso personale, quello di vincitore dei tre trofei principali e della classifica marcatori in Premier League, in Liga ed in Serie A.

Ma poi, durissimo per le orecchie dei tifosi della Juventus, arriva l’affondo “Non inseguo i record, i record mi inseguono – spiega e sottolinea Cristiano – il calcio è un gioco collettivo, ma è attraverso il superamento individuale che aiutiamo le nostre squadre a raggiungere i loro obiettivi”

Il veleno è nella coda “Niente è paragonabile alla sensazione di sapere di aver lasciato il segno nei paesi” e soprattutto “Thanks to everyone who took part in this journey! We stand together!” ossia grazie a tutti coloro che hanno preso parte a questo viaggio! Che letto in controluce indica con chiarezza che il viaggio alla Juventus è finito.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)

Calciomercato Juventus, ecco la destinazione di Ronaldo

E’ chiaro che Cristiano Ronaldo con questo post sta salutando la Serie A campionato nel quale è arrivato nell’estate del 2018, con un ricchissimo contratto valido fino al 30 giugno 2022 e l’obiettivo dichiarato di riportare a Torino la Champions League trofeo che manca da ben 25 anni, dal 22 maggio 1996.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Cristiano Ronaldo, infuriato per il gol fantasma: getta la fascia

Chiudere il rapporto oggi, peraltro, diventa conveniente sia per la Juventus, che dal 1 febbraio rischia di perderlo a parametro zero, che per il campione portoghese che a 36 anni suonati cerca un ultimo grande contratto, un ultimo grande stimolo.

Ma da dove può arrivare. Sono tre le possibili destinazioni di Ronaldo. La prima la più calda porta a Parigi. Il Paris Saint Germain è pronto ad uno scambio di prestiti tra Ronaldo e Icardi. Il nodo in questo caso è l’ingaggio. La Juventus per la stagione 2021-2022 si accollerebbe parte del dovuto ma si metterebbe in casa il centravanti che cerca da tre anni.

La seconda pista porta in Premier League e precisamente al Manchester sponda United. Anche in questo caso l’operazione si farebbe con uno scambio di prestiti. Ronaldo ai Red Devils e Pogba in bianconero. Qui l’operazione è resa più semplice dal fatto che sia Pogba che Ronaldo vanno in scadenza di contratto ed il 30 giugno 2022 possono trattare da zero il nuovo ingaggio.

C’è infine la suggestione Qatar Stars League il campionato del Paese che dal 21 novembre al 18 dicembre 2022 ospiterà i prossimi Mondiali di calcio ed in particolare ai campioni in carica dell’Al-Sadd Sports Club la squadra di Doha di proprietà di Mohammed bin Hamad bin Khalifa Al Thani.

In questo caso l’affare sarebbe ricchissimo sia per la Juventus, che incasserebbe tra i 30 e i 40 milioni per il cartellino, che per CR7 che vedrebbe il contratto allungato di due anni. Visti i tempi che corrono non sarà facile ma in Qatar i soldi sono l’ultimo dei problemi.