Morto Giambattista Assanti: diresse Claudia Cardinale e Vanessa Gravina

0
484

Un grave lutto ha colpito il mondo del cinema, morto Giambattista Assanti: diresse Claudia Cardinale e Vanessa Gravina.

(screenshot video)

Ha lottato contro un brutto male che lo ha sconfitto Giambattista Assanti. Il regista originario di Mirabella Eclano, provincia di Avellino, gestore tra l’altro del cinema Carmen della città eclanese, era un grande appassionato di cinema, tanto non solo da gestire appunto una sala, ma da essersi cimentato dietro la macchina da presa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Morta Carla Fracci: la regina della danza era in gravi condizioni

Il suo esordio alla regia risale al 2014, quando il regista irpino decise di raccontare una storia della sua terra. Nasce così “L’ultima fermata” film dedicato alla linea ferroviaria Avellino-Rocchetta e girato anche in Alta Irpinia. Il cast del film era di tutto rispetto, a partire da Claudia Cardinale, candidata per questa pellicola al David di Donatello come miglior attrice non protagonista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Addio a Luciana Novaro: la talentuosa étoile scoprì Carla Fracci

Chi era Giambattista Assanti, il ricordo del regista

Il film di Assanti vedeva nel cast anche Sergio Assisi, Luca Lionello, Salvatore Misticone e Nicola Di Pinto, quest’ultimo uno dei caratteristi più noti e amati del cinema italiano. La pellicola, uscita nelle sale cinematografiche nel 2015, raccontava la storia del capotreno Domenico Capossela. Successivamente, Giambattista Assanti ha diretto “Il giovane Pertini combattente per la libertà”, altra pellicola con un cast di rilievo.

Candidato ai David di Donatello 2019 e approdato alla Mostra internazionale del cinema di Venezia, il film vede nel cast tra gli altri Gabriele Greco, Dominique Sanda, Massimo Dapporto, Cesare Bocci. Sempre Massimo Dapporto, insieme a Daniele Pecci, Ricky Tognazzi, Catherine Spaak e altri, è protagonista di “Il segreto di Hanna”, ultimo lungometraggio incompiuto di Assanti, che aveva anche diretto Vanessa Gravina nel docufilm “Le campane di sant’Ottone”.