Omicidio Sandra Duyst: il marito aveva già cercato di ucciderla

0
111

Il cold case dell’omicidio Sandra Duyst: il marito aveva già cercato di ucciderla, cosa sappiamo del delitto avvenuto negli Usa.

(screenshot video)

Molti spettatori online hanno espresso stupore per il fatto che Sandra Duyst sia rimasta sposata con un uomo che ha cercato di ucciderla, soprattutto perché lo ha fatto in un modo che non lasciava altra interpretazione. Ma invece di incolparlo, Sandra ha detto ad amici e medici che le sue lesioni craniche sono avvenute a causa di un incidente legato a una caduta da cavallo.

Ti potrebbe interessare–> Nada Cella, il delitto di via Marsala: un giallo lungo 25 anni

Un episodio sicuramente inquietante, ma che non sorprende di certo: quante donne non denunciano infatti i propri mariti violenti? L’uomo, David Duyst, è finito per morire in prigione. Ma la coppia ha lasciato tre figli, Erica, Timothy e David Duyst Jr., che hanno gestito le conseguenze della morte della madre in maniera molto seria.

Ti potrebbe interessare–>  Denise Pipitone, l’avvocato: “Anna Corona non è indagata”

Cosa sapere del caso della morte di Sandra Duyst

Sandra Anne Bos – sportiva praticamente sin dalla nascita – è nata il 29 dicembre 1959 a Grand Rapids, nel Michigan. All’età di 3 anni, ha partecipato al suo primo spettacolo equestre e ha continuato a raccogliere numerosi premi equestri. È stata anche MVP della sua squadra di pallavolo del liceo. Lei e David Duyst, figlio di un insegnante di storia e di un bibliotecario, si sono conosciuti al liceo e si sono sposati dopo aver frequentato entrambi il Calvin College di Grand Rapids, nel Michigan. I due erano cresciuti nella zona e avevano molti amici.

I Duyst si trasferirono in una casa a Alpine Township e costruirono una stalla sulla proprietà. Sandra si è specializzata nell’allevamento e addestramento di cavalli e ha dato lezioni di equitazione. David ha iniziato la sua carriera come venditore Amway, poi è entrato a far parte della compagnia assicurativa di suo suocero, la Northwestern Mutual Life. Un tempo, David è stato anche presidente della West Side Christian School, dove Sandra ha allenato la pallavolo femminile. Il 19 novembre 1998, Sandra, gravemente ferita e sanguinante, è strisciata a casa di un vicino per chiedere aiuto, spiegando che il suo cavallo Dexter l’aveva presa a calci in testa.

La morte di Sandra Duyst e il tentativo di depistare le indagini

Sopravvissuta alle ferite, in seguito ha sofferto di sbalzi d’umore e depressione, secondo persone che la conoscevano bene. Il suo medico personale, James Veldkamp, ​​avrebbe in seguito testimoniato che era migliorata dopo che le aveva prescritto il Paxil. Ma il 29 marzo 2000, David Duyst chiamò il 911 e disse che sua moglie si era suicidata nella sua camera da letto ed era morta. Ha detto alla polizia che si era addormentato nella sala TV e che il rumore di una pistola lo aveva svegliato. Sandra, 40 anni, si era sparata con la Smith & Wesson 9 millimetri semiautomatica della coppia, ha riferito.

David, che ha ammesso che la coppia aveva problemi coniugali, ha detto al 911 che questo non era il primo tentativo di suicidio di Sandra. La sua storia sembrava credibile fino a quando l’autopsia ha mostrato che Sandra ha subito due ferite da arma da fuoco. Le persone generalmente non si sparano due volte in testa. Due medici legali, Stephen Cohle e Vincent DiMaio, hanno concluso che ognuna delle sue ferite era abbastanza letale da renderla immediatamente invalida, il che escludeva la possibilità che si fosse deliberatamente sparata una seconda volta. Era stato David a ucciderla, probabilmente per coprire la relazione con la sua segretaria, Linda Ryan. Inoltre, David aveva recentemente stipulato un’assicurazione sulla vita su Sandra che avrebbe pagato $ 579.000, anche in caso di suicidio.