Storie Criminali: chi è Thomas Cisco e di cosa viene accusato

0
456

La vicenda raccontata da Storie Criminali: chi è Thomas Cisco e di cosa viene accusato, ecco il caso dell’uomo con il portachiavi.

Thomas Cisco

Nel 1997, tre corpi vengono trovati nel frigorifero di una stazione di servizio a Lake Charles, in Louisiana. Due anni dopo, Thomas Cisco, conoscente di una delle vittime, confessa gli omicidi. Ma i familiari delle vittime non sono in pace con la confessione di Cisco, poiché la sfiducia nei confronti delle forze dell’ordine della loro comunità è profonda.

Ti potrebbe interessare–> Omicidio Sandra Duyst: il marito aveva già cercato di ucciderla

Cisco si dimostra anche inaffidabile nei suoi resoconti e per diversi anni fornisce agli investigatori circa 20 diverse dichiarazioni su ciò che è accaduto la notte degli omicidi. Sebbene l’uomo sia condannato a 90 anni di carcere per gli omicidi, molti, comprese le famiglie delle vittime, credono ancora che abbia un complice che vaga libero.

Ti potrebbe interessare–> Kristine Fitzhugh: l’insegnante di musica uccisa in casa dal marito

Un complice per Thomas Cisco: chi nasconde la verità

Sono convinti che ci sia dell’altro nella storia degli eventi contestati, un segreto che non è stato raccontato. Thomas Cisco infatti è responsabile di un triplice omicidio che per anni è stato una sorta di spettro che incombe sulla vita di tre famiglie e della comunità: gli omicidi del 1997 a KK’s Corner. Gli omicidi al KK’s Corner sono rimasti irrisolti per più di un anno e poi Cisco è stato arrestato per gli omicidi di Stacie Reeves, Marty LeBouef e Nicole Guidry, tre giovani uccisi a colpi di arma da fuoco, i loro corpi lasciati nel frigorifero del minimarket presso la stazione di servizio.

La madre di Marty LeBouef, Janila, singhiozzava mentre gli raccontava come il suo dolore l’avesse resa disfunzionale e malata di mente. Dice che ha sempre voluto parlare con Cisco. “Non ho odio nei suoi confronti anzi mi dispiace per lui. Devo perdonarlo perché Dio mi perdoni e io lo faccio, lo perdono”, le sue parole prima della sentenza. La sorella di Janila, Patsy Young, dice che la morte di Marty ha cambiato per sempre la vita dei membri della famiglia, specialmente per Janila: “Ha urlato fino a quando non è quasi svenuta al punto in cui ho pensato che avrebbe avuto un ictus. È stata nei reparti psichiatrici. sotto cure psichiatriche e lo è da quando è successo tutto questo”.