Incidente sul lavoro: morti due operai nel cuneese

0
191

Ancora vittime sul luogo di lavoro, questa volta a perdere la vita sono stati due operai in un’azienda vinicola del cuneese. L’incidente sul lavoro è avvenuto nel pomeriggio, non è ancora chiara la dinamica.

Immagini di repertorio (Photo by Justin Sullivan/Getty Images)

Un altro incidente sul luogo di lavoro ha spezzato ancora due vite. Le due vittime sembra siano cadute in una cisterna dell’azienda vinicola a Cossano Belbo, in località San Bovo, nel cuneese – come riporta La Repubblica. Le vittime sono un 45 enne, Gerardo Lovisi, responsabile della sicurezza, di Nizza Monferrato e Gianni Mesa, 58 anni, responsabile della cantina. La tragedia si è consumata nell’azienda vinicola Fratelli Martini.

La dinamica dell’incidente non è ancora stata chiarita ma in da subito, dopo l’atterraggio dell’elisoccorso, la situazione è parsa chiara, dopo l’incidente infatti i soccorsi sono atterrati direttamente sul luogo dell’accaduto. Sembra che i due operai siano stati estratti dalla cisterna già incoscienti, a nulla sono valsi i 20 minuti di tentativi per rianimare le due vittime.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Arrestato il figlio del boss Alleruzzo: è accusato di aver ucciso la sorella

Il sindaco della città, come spiega La Repubblica, ha raccontato come probabilmente i due operai non siano caduti ma siano morti per le esalazioni. Difatti, scrive La Repubblica, sembra che il primo operaio stava cercando di recuperare un oggetto dall’interno della cisterna caduto in precedenza nell’effettuare il tentativo la vittima è svenuta – l’altro dipendente dell’azienda, vista la prolungata assenza del collega sembra essersi recato a controllare, trovando il collega svenuto sul fondo. Nel tentativo di prestare soccorso entrambi sono morti per esalazioni. Questa ipotesi è ancora tutta da verificare. Le indagini dei carabinieri degli ispettori proveranno a fare chiarezza sull’accaduto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ibiza, una giovane coppia cade dal balcone dell’albergo e muore 

I dati sul numero dei morti sui luoghi di lavoro sono allarmanti, basti pensare che solo nel primo quadrimestre del 2021 le vittime sono state 306 –  9,3% in più se confrontati al 2020 (stesso quadrimestre). A questi si aggiungo i due dipendenti dell’azienda vinicola nel cuneese. Il problema in Italia sembra strutturale, la sicurezza sul lavoro è ancora oggi una spina nel fianco del nostro Paese. I Paesi europei raggiungono ogni anno dati allarmanti per quanto riguarda le morti sul lavoro.