L’omicidio di Janine Sutphen: dalla scomparsa alla condanna del marito

0
126

Diciassette anni fa veniva trovato in un lago della Carolina del Nord il corpo senza vita di Janine Sutphen: la donna fu uccisa dal marito Robert Petrick, poi condannato all’ergastolo.

janine stuphen

Nel maggio del 2003 Janine Sutphen fu trovata morta nel lago Raleigh’s Falls, situato nella contea di Durham, nella Carolina del Nord, negli Stati Uniti. La donna, che faceva la violencellista, era scomparsa improvvisamente quattro mesi prima, all’età di 57 anni. La sua auto e il suo violoncello furono ritrovati in un parcheggio vicino a dove avrebbe dovuto fare delle prove.

Il suo corpo senza vita era stato messo dall’assassino all’interno di un sacco a pelo, avvolto con diversi teli, e poi gettato in acqua. A scoprire il cadavere mentre galleggiava sul lago furono alcuni pescatori. Il medico legale dopo l’autopsia, non trovando l’evidenza di lesioni, stabilì che Janine Sutphen era morta per asfissia.

Ti potrebbe interessare anche -> Kristine Fitzhugh: l’insegnante di musica uccisa in casa dal marito

Janine Sutphen: la condanna del marito Robert Petrick

Poche ore dopo il ritrovamento del corpo della donna, il marito Robert Petrick fu accusato di omicidio e arrestato. Il processo durò due anni e si concluse nel 2005 con la condanna all’unanimità all’ergastolo, senza possibilità di libertà condizionale. L’udienza per il verdetto durò due ore e una volta terminata tutti i familiari della vittima furono colti dall’emozione. “La giustizia oggi ha prevalso”, dichiarò uno dei figli di Sutphen, Christopher.

Ti potrebbe interessare anche -> Omicidio Sandra Duyst: il marito aveva già cercato di ucciderla

L’altro figlio, Robin, sottolineò di aver sospettato di Petrick, suo patrigno, fin dall’inizio. “L’ergastolo gli impedirà di fare ancora del male”, disse dopo la sentenza. Durante il processo l’accusa chiamò a testimoniare più di 60 persone. Secondo i giurati l’uomo uccise la moglie a causa dei problemi di denaro e delle relazioni extraconiugali. Robert Petrick, dopo l’omicidio, legò le gambe di Janine Sutphen con delle catene e le mise  anche del nastro adesivo, prima di rinchiuderla nel sacco a pelo avvolto dai teli e gettarla nel lago Raleigh’s Falls.