Chi è Giuseppe Distefano il preside nominato Commendatore da Mattarella

0
89

Il preside Giuseppe Distefano è stato nominato Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per aver contribuito a diffondere la cultura del dono degli organi

(screenshot video)

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha insignito con il titolo di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana alcuni cittadini tra cui, parroci, suore, docenti, operai e scienziati per essersi distinti con gesti o scelte significativi. Il preside Giuseppe Distefano è tra questi, ed è una delle persone che ha ottenuto questo prestigioso riconoscimento.

Potrebbe interessarti anche -> Rosalba Rotondo, la preside di Scampia premiata da Mattarella

 Chi è Giuseppe Distefano

Giuseppe Distefano è un uomo di 70 anni, originario di Catania che molto giovane si è trasferito ad Arzignano in provincia di Vicenza, per svolgere la professione dell’insegnate. Distefano è stato professore presso il liceo scientifico di Arzignano, successivamente ha ricoperto per 18 anni il ruolo di preside presso l’allora istituto professionale Sergio Perin di Valdagno, oggi chiamato Luzzati-Marzotto. Dopo quest’esperienza Giuseppe Distefano ha ricoperto sempre il ruolo di dirigente scolastico presso il liceo Trissino di Valdagno fino al 2002 anno in cui il preside è tornato in Sicilia.

Leggi anche -> David Fabbri, la lotta al bullismo e il premio ricevuto da Mattarella

Il motivo che ha portato Mattarella a conferirgli il titolo

La menzione che ha portato Giuseppe Distefano ad ottenere il prestigioso titolo di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana è questa: “per la sua dedizione e il suo encomiabile impegno nella divulgazione e promozione della cultura del dono degli organi“.

L’uomo trent’anni fa ha perso il figlio di 15 anni, Luigi, in un incidente stradale. Dopo la morte del figlio il preside ha deciso di donare gli organi del figlio. Da allora Giuseppe si è dato da fare, in questi anni non ha mai smesso di sensibilizzare le persone e diffondere la cultura del dono degli organi.