Fastly down: cosa era accaduto, allerta rientrata

0
91

Fastly down, il problema che aveva mandato in tilt i maggiori siti d’informazione al mondo è stato risolto: la comunicazione

Fastly down
Getty Images

“Il problema è stato individuato e abbiamo applicato una soluzione“. Con questa parole il provider Fastly, una delle piattaforme di cloud perimetrale più grande al mondo, ha comunicato che la falla tecnica che per poche ora ha mandato in tilt il mondo del web è stata risolta.

In tutto il pianese man mano i maggiori siti istituzionali e d’informazione stanno tornando a lavorare a regime ordinario mentre per ore sono stati offline. Dal Guardian alla Cnn, dal sito della Casa Bianca e del governo britannico al New York Time, nessuno era raggiungibile e appariva la classica schermata Error 503 Service Unavailable e soprattutto connection failure.

Inizialmente alcuni quotidiani che erano riusciti a salvarsi dal problema, avevano messo tra le probabilità delle cause un attacco degli hacker. In un secondo momento hanno riportato la notizia di Fastly.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Irragiungibili tutti i principali siti della rete internet: il motivo del down

Fastly down, i siti colpiti in Italia

Motivo down siti internet

In Italia tra i maggiori siti che hanno avuto problemi c’erano il Corriere della Sera e Gazzetta. Anche Amazon ha avuto problemi e considerando il traffico che raccoglie anche in un solo minuto in tutto il mondo, c’è da scommetterci che ci sia stato una grandissima perdita in termini economici.

In alcuni casi i problemi riscontrati non hanno riguardato tutte le sezioni dei siti. Le home page magari erano anche raggiungibili ma era impossibile accedere ad alcune pagine. Il guasto non ha riguardato tutti i siti coinvolti con la stessa gravità. Mentre era ancora in corso il down, alcuni sono tornati online per poi scomparire di nuovo dopo pochi minuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid Italia, Sileri: “Stop a certificati e richieste tamponi con 50% vaccinati”

Una situazione altalenante che ha creato scompiglio su tutto il pianeta, bloccando delle importanti attività e mostrando per l’ennesima volta l’importanza e la dipendenza dell’uomo dal web e dalle più sofisticate tecnologie.