Denise Pipitone: la telefonata e le accuse contro Piera Maggio

0
542

“Non è degna di avere una figlia”, l’intercettazione della telefonata contro Piera Maggio, che getta ombre sulla famiglia di Denise.

L’ombra della famiglia allargata torna ciclicamente tra i dettagli del caso della scomparsa di Denise Pipitone. Nella puntata di ieri di “Quarto grado”, si è parlato dei primi sospetti da parte di Piero Pulizzi, padre naturale della bambina.

In trasmissione è stata mostrata la trascrizione di una conversazione tra l’uomo e la sorella di Piera Maggio. Pulizzi ha espresso la sua rabbia e la sua preoccupazione per quello che nei primi giorni concitati veniva descritto dai media come un rapimento il cui movente era oscuro – prima che si venissero a conoscere tutte le diverse piste seguite dagli inquirenti.

Così Pulizzi ha fatto tre nomi: Tony, Anna e Matteo. Tony è Tony Pipitone, ex marito di Piera Maggio, che per lungo tempo ha creduto di essere il padre naturale della bambina e che ancora oggi la considera sua figlia. Nella conversazione Piera fa notare a Pulizzi come Tony sia una possibilità da escludere, anche per evitare di mettere in piazza una storia intima e famigliare.

Anna è invece Anna Corona, ex moglie di Pulizzi, cui l’uomo ha sempre negato di essere padre di Denise, e che oggi è nuovamente indagata, dopo che anni fa la sua posizione fu archiviata. Matteo è infine Matteo Marino, ex marito di Giacoma, che pare abbia imputato a mamma Piera Maggio la fine del proprio matrimonio. Pare che Matteo abbia detto, all’indomani di quel drammatico 1 settembre 2004, riferendosi all’ex cognata: Le sta bene, perché non è degna di avere una figlia”.

Tornano dunque i sospetti sulla famiglia allargata di Denise, tanto più dopo che un suo membro non meglio definito è stato citato dall’ex pm del caso Maria Angioni in relazione con la testimonianza di un’auto che sfrecciava all’ora del rapimento per le strade di Mazara del Vallo.

POTREBBE INTRESSARTI: Crimini in diretta: Anthony Blaylock ucciso fuori da un locale

L’ex pm alla domanda del conduttore Gianluigi Nuzzi sui suoi eventuali rimpianti nella gestione del caso di Denise ha detto: Mi dispiace solo non essere arrivata prima a Battista Della Chiave”.