Bari, 54enne in rianimazione. Il 26 maggio vaccinato con J&J

0
259

Bari, 54enne in rianimazione. Il 26 maggio vaccinato con J&J. Le sue condizioni definite molto gravi

Vaccino J&J
Vaccino J&J (Getty Images)

Un uomo di 54 anni è ricoverato nel reparto di Rianimazione del Policlinico di Bari a causa di un’ischemia verificatasi successivamente alla vaccinazione, avvenuta il 26 maggio scorso con il vaccino Johnson&Johnson (Janssen). Dal nosocomio barese viene tuttavia precisato che “l’uomo è arrivato al pronto soccorso il 12 giugno scorso già in terapia farmacologica prescritta in altra sede, per trombosi venosa periferica” e che il paziente sarebbe già stato “in condizioni molto compromesse”.

Ti potrebbe interessare>>>  Camilla Canepa: la decisione delle Regioni dopo la sua morte

I primi malesseri si sarebbero verificati nei dati del 9 giugno ed il giorno 13 se fosse necessario il ricovero nel reparto di Rianimazione del Policlinico, sotto la direzione del professor Salvatore Grasso. “In ragionevolmente dei problemi in gioco è altamente probabile che complicanze della trombosi siano tempi alla vaccinazione, ma questa non è l’unica ipotesi in campo, naturalmente”, Grasso, “La situazione, precisa il professore, è molto grave e la prognosi è riservato“.

Bari 54enne in rianimazione. Il vaccino Johnson&Johnson

Il vaccino J&J così come il vaccino AstraZeneca era stato raccomandato dall’Agenzia del farmaco per i soggetti di età superiore ai 60 anni ovvero a coloro che, avendo un rischio di malattia grave e letale, devono essere protetti in via prioritaria. Così come riportato in una nota del ministero della Salute datata 20 aprile 2021.

Ti potrebbe interessare>>>  Camilla Canepa: la verità sulla salute della ragazza morta dopo il vaccino

La tragedia della diciottenne Camilla Canepa, vaccinata con AstraZeneca, ha imposto un immediato blocco alla somministrazione del farmaco agli under 60. La stessa decisione non è ancora avvenuta per quanto concerne il vaccino americano Johnson&Johnson, nonostante alcuni ancora all’interno dello stesso comitato tecnico scientifico spingano verso questa direzione.

Stiamo percorrendo l’ultimo miglio riguardante la campagna di vaccinazione. Ora più che mai occorre la massima chiarezza e trasparenza. Lo scetticismo lo si combatte soltanto con risposte serie e documentate, altrimenti si rischia un drammatico autogol.