Michela Proietti, chi è la giornalista umbra ma milanese d’adozione

0
167

Carriera e curiosità su Michela Proietti, chi è la giornalista umbra ma milanese d’adozione: cosa sapere su di lei.

(Instagram)

Umbra di nascita, nello specifico di Perugia, Michela Proietti è giornalista del “Corriere della Sera”, scrive per Sette, il supplemento settimanale del quotidiano di via Solferino, ma soprattutto vive e lavora a Milano. Per questo si autodefinisce “La milanese”, facendo ironicamente della milanesità una ragione di vita, anche nei suoi scritti.

Ti potrebbe interessare anche -> Memo Remigi dopo la gaffe: “Scusami, Gianni Bella”, il pubblico con lui

La giornalista è anche opinionista televisiva e si occupa di moda, costume e società. Milano è appunto la città che l’ha ispirata e l’ha fatta crescere professionalmente. A Milano è dedicata la sua ironica guida ‘La milanese’, uscita nei mesi scorsi per Solferino edizioni e con la prefazione di Lina Sotis. “Un’ironica guida allo stile per signore”, viene definito il libro.

Ti potrebbe interessare anche -> Stefano Remigi, figlio di Memo: chi è, carriera e vita privata

Cosa c’è da sapere sulla “milanese”, alias Michela Proietti

Poi ancora si legge nella scheda di presentazione del volume: “Un manuale di autoaiuto per milanesi disperate, un’occasione per ridere assieme delle nostre piccole e grandi manie”. Nella vita si può imparare tutto, spiega Michela Proietti, ma è necessario davvero studiare tanto per essere una vera milanese, si tratta in sostanza di un vero e proprio lavoro a tempo pieno. Quasi 15mila follower sul suo profilo Instagram, la giornalista è davvero molto amata da quanti la seguono, proprio per la sua ironia.

Non mancano sui social network foto che immortalano la sua quotidianità: tante sono le foto con il figlio Riccardo, nato dalla relazione della giornalista con Sergio Alfredo Marzi. E poi le tante foto degli eventi mondani a cui partecipa: tanti gli amici dei quali si circonda, da Tomaso Trussardi a Gianluca Vacchi. Nella sua vita, ha preso parte a diversi eventi, anche di respiro internazionale, ma il suo modello di donna resta “la milanese”, ovvero la donna che “tutto il mondo ci invidia”.