Sara Pedri, mobbing in ospedale: i messaggi del medico scomparso

0
327

Sara Pedri, dagli audio inviati dalla giovane emergerebbe una realtà lavorativa difficile: cos’hanno detto le colleghe

Sara Pedri
Sara Pedri (foto Facebook)

Ancora nessuna notizia della ginecologa Sara Padri. Del caso continua a occuparsene anche Chi l’ha visto? di RaiTre e ora è emerso anche un messaggio audio che la giovane donna ha inviato alla sorella: “Vedevo quintuplo da quanto ero stanca” facendo paventare un caso di mobbing nell’ospedale dove lavora con turni estenuanti.

Emanuela, la sorella di Sara, ha reso una deposizione ai carabinieri di Forlì che hanno ascoltato il messaggio vocale, cosa fatta certamente anche dai colleghi di Trento. Al momento la Procura trentina non ha aperto alcun fascicolo con ipotesi di reato e ovviamente non ci sono neanche indagati ma la situazione potrebbe cambiare.

L’avvocato Nicodemo Gentile dell’associazione Penelope che si occupa di persone scomparse – come riporta Il resto del Carlino – ha presentato una relazione dove viene ricostruito cosa accade nell’ospedale di Trento e il documento sarà vagliato dagli investigatori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, Marcello Corona si difende: querela a Storie Italiane

Sara Pedri, cos’hanno detto le colleghe intervistate

 

Screen

Riflettori puntati dunque sull’ospedale di Trento grazie ad altri messaggi che la ginecologa aveva inviato e che sarebbero fonte di importanti notizie sul modo di lavorare. Dopo i primi tempi aveva espresso soddisfazioni per quanto stava facendo ma poi le cose sarebbero peggiorate.

Aveva lamentato di un clima difficile e che si doveva solo pensare a lavorare. Le esigenze personali erano viste con negatività. Quando a febbraio tornò a Forlì, come testimonia un certificato medico, Sara era sottopeso e il 4 marzo è scomparsa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Diletta Bellotti, attivista contro il caporalato: chi è la ragazza

Senza mostra il volto Chi l’ha visto ha intervistato altri lavoratori dell’ospedale che confermerebbero il clima poco sereno all’interno della struttura con medici pronti sempre a trovare un errore, annullare la professionalità di ognuno e sempre pronti a mettere gli altri in difficoltà. Intanto c’è un’indagine interna in corso presso l’ospedale.