Matteo Salvini, invece di essere indagati uomini e donne in divisa andrebbero ringraziati

0
162

Matteo Salvini, invece di essere indagati uomini e donne in divisa andrebbero ringraziati. Il leader della Lega ritorna a cavalcare un suo vecchio cavallo di battaglia

Matteo Salvini non perde mai occasione di ritornare su temi a lui estremamente cari. Sarà per via del fatto che far parte del governo presieduto da Mario Draghi rappresenti per lui quasi un sentirsi intrappolato in una camicia di forza, che non gli permette di essere quel battitore libero, in grado di fare e dire ogni cosa a suo piacimento. Sarà per via di quei terribili sondaggi che danno Giorgia Meloni in testa alle preferenze degli elettori come futuro leader del centrodestra, che sente un’irrefrenabile bisogno di apparire e di gridare ad alta voce: io ci sono.

Ti potrebbe interessare>>> Sondaggi Politici, nuovo calo di Salvini: è testa a testa tra Lega, FdI e Pd

Da poco è apparso sul suo profilo Instagram un video in cui due poliziotti di Roma salvano una piccola bambina seduta sul davanzale della finestra della sua casa. Partendo da questo episodio conclusosi felicemente e ricordando parimenti l’altrettanto felice esito delle ricerche in Toscana del piccolo Nicola di soli 2 anni, ha ripreso i suoi peana nei confronti delle donne e uomini in divisa.

La frase polemica di Matteo Salvini

Screenshot Matteo Salvini
Screenshot Matteo Salvini

La sua frase “Invece di essere indagati, donne e uomini in divisa andrebbero solo ringraziati!” è un chiaro ed esplicito riferimento a quanto accaduto qualche giorno fa presso la Stazione Termini di Roma, quando un uomo, brandendo un coltello, è stato raggiunto da un colpo di pistola alle gambe esploso dalla pistola di un poliziotto. L’agente che ha sparato all’uomo è al momento indagato ” per eccesso colposo dell’uso delle armi”. La sua arma gli è stata ritirata.

Ti potrebbe interessare>>> Massimo Ranieri, duro sfogo contro la politica e il Coronavirus

Commentando quanto accaduto alla Stazione Termini, l’istruttore dei militari ha detto che lui, al posto dell’agente, non avrebbe mai esploso quel colpo. Forse basterebbero queste parole per far ritornare sui suoi passi il senatore leghista. Quando si erge a paladino delle donne e degli uomini appartenenti alle forze dell’ordine, reca loro soltanto dei danni. Chi, tra la popolazione civile, non smette mai di ringraziare queste donne e questi uomini per ciò che quotidianamente, attraverso il loro lavoro, fanno per la tutela della nostra sicurezza? Loro non hanno bisogno certo di Salvini, forse è Salvini che ha bisogno di loro per attirare un pò di attenzione su di sé.