Atletica Transgender, gli USA fermano CeCe Telfer: ostacolista trans

0
286

Atletica Transgender, gli USA tramite la USATF Associazione di Atletica Leggera Americana hanno ostacolato all’atleta CeCe Telfer la possibilità di partecipare alla competizione.

Atletica Transgender, CeCe Telfer non parteciperà ai World Athletics per via di livelli di testosterone (Web)
Atletica Transgender, CeCe Telfer non parteciperà ai World Athletics per via di livelli di testosterone (Web)

L’atleta di origini giamaicane, nel 2019 è stata la prima donna a vincere un titolo riconosciuto, secondo le regole della competizione, gli atleti trans gender per riuscire a partecipare a diverse competizioni non devono superare un certo livello di testosterone.

L’atleta CeCe Telfer cittadino statunitense con origini giamaicane non è riuscito ad ottenere l’autorizzazione dall’Associazione di Atletica Leggera Americana per partecipare ai Trials nello stato dell’Oregon.

Sin dal 2019 il regolamento dell’associazione dichiara che gli atleti non dovranno superare entro 12 mesi prima di qualsiasi competizione, i livelli di testosterone pari a cinque unità per litro.

Telfer ha vinto nel 2019 un titolo NCAA, ed è stata la prima donna a vincere una competizione ufficiale e riconosciuta, questo è avvenuto dopo aver partecipato a gare maschili.

Nonostante le eccellenti prestazioni, l’atleta CeCe non è riuscita a soddisfare le condizioni per quanto riguarda l’idoneità degli atleti trans nel partecipare al World Athletics.

L’USA Track and Field ha dichiarato tramite una nota scritta la non idoneità dell’atleta a partecipare in una competizione ufficiale come il World Athletics.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Giornata mondiale contro l’omofobia, perché si festeggia il 17 maggio

Atletica Transgender, la gara dei 400 metri ad ostacoli femminili non sarà disputata da Telfer

L’associazione americana sostiene l’inclusività e fornisce un percorso chiaro e semplice per riuscire a partecipare in competizioni ufficiali, in questo modo riesce a garantire l’equità agonistica tra i partecipanti.

L’amministrazione e il comitato che giudicherà le gare si augura che tutto vada per il verso giusto, la loro politica è sempre stata quella di non commentare i casi individuali, soprattutto per quanto riguarda la riservatezza medica.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: L’Ue si proclama “zona di libertà lgbt”: cosa significa a livello giuridico

Si augurano che l’atleta CeCe riesca a risolvere il problema per poi partecipare ad eventi internazionali come membro della squadra USATF, in questo modo soddisfacendo le condizioni stabilite dal regolamento, potrà gareggiare senza aver bisogno di monitorare i suoi livelli di testosterone.

Sembra che l’associazione americana stia tendendo la mano verso la comunità trans, adesso sarà una decisione dell’atleta Telfer se partecipare o meno alla competizione internazionale World Athletics.