Velletri: Davide Cugini morto a 15 anni dopo l’incidente con lo scooter

0
467

Schianto mortale a Velletri: Davide Cugini morto a 15 anni dopo l’incidente con lo scooter, era uscito per vedersi con alcuni amici.

(screenshot video)

Dramma nella notte a Velletri, alle porte di Roma, a causa di un gravissimo incidente stradale che ha coinvolto uno scooter e un’automobile. Ad avere la peggio è stato un ragazzo di appena 15 anni, Davide Cugini. L’adolescente era in sella al suo scooter, quando è andato a impattare in maniera mortale contro un’automobile guidata da un 38enne.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE –> Strasburgo, Francia, forte scossa di terremoto di magnitudo 4

Lo schianto è avvenuto in pieno centro cittadino del comune dei Castelli Romani, in via Colle Caldara. Il ragazzo minorenne è deceduto sul colpo a causa delle gravissime ferite riportate nel terribile impatto. Invece, il 38enne alla guida dell’auto contro cui si è schiantato è stato portato in ospedale, ma non dovrebbe essere in gravi condizioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Tragedia in Sardegna: anziano annega, muore anche il soccorritore

Il dolore a Velletri per la morte del giovane Davide Cugini

Sul luogo del terribile sinistro, che ha gettato nello sconforto una comunità intera, sono intervenuti i militari dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Velletri. Questi hanno sequestrato entrambi i veicoli e stanno procedendo con le indagini, per capire eventuali responsabilità nello schianto. Il corpo privo di vita del povero Davide Cugini è stato portato all’ospedale di Tor Vergata, dove la salma è stata ricomposta.

Grande la commozione a Velletri: l’adolescente, a quanto pare, era uscito per ritrovarsi con gli amici di sempre, quando è stato coinvolto nello schianto. Le prime notizie sulla dinamica dell’incidente sono da brividi. Dopo lo schianto, il ragazzo prima è rovinato a terra e poi è andato a impattare contro alcune inferriate e non ha purtroppo avuto scampo. I soccorsi sono stati anche abbastanza immediati, ma nulla hanno potuto vista la gravità della situazione.