Denise Pipitone, Piera Maggio: ecco dove inviare le segnalazioni

Denise Pipitone, Piera Maggio, dopo l’affronto subito da “Quarto Grado”, interviene e cita solo un programma a cui inviare le segnalazioni

Continua lo scontro a distanza tra Piera Maggio, mamma di Denise Pipitone, di cui non si hanno più notizie dal primo settembre del 2004, e la trasmissione Quarto Grado, condotta da Gianluigi Nuzzi e Sabrina Scampini, che, nonostante la diffida, è tornata a occuparsi del caso della piccola, all’epoca dei fatti, scomparsa a Mazara del Vallo 17 anni fa. Piera Maggio, pertanto, è passata al contrattacco postando un messaggio sui social network che molti utenti hanno interpretato come una stoccata a Gianluigi Nuzzi e alla sua trasmissione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> WhatsApp, novità in arrivo: sarà possibile riascoltare i messaggi vocali prima dell’invio

Dopo l’ennesima puntata di Quarto Grado dedicata alla scomparsa di Denise, così Piera Maggio ha commentato sui social: “Le segnalazioni vanno fatte alle autorità del posto dell’avvistamento, polizia e carabinieri. Alle autorità preposte che vi lavorano, al legale Giacomo Frazzitta, alla famiglia stessa e a “Chi l’ha visto?”. Non ad altri che non sono autorizzati a ricevere segnalazioni.

Denise Pipitone, Piera Maggio interviene e cita un solo programma a cui inviare le segnalazioni

Dunque, Piera Maggio ha reagito all’affronto subito da Gianluigi Nuzzi, che ha bellamente ignorato la sua diffida, rendendogli pan per focaccia, cioè escludendolo, non citandolo e quindi ricomprendendolo tra “gli altri” cui fa riferimento nell’epilogo del post, dal novero dei soggetti autorizzati a raccogliere segnalazioni sulla figlia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Cashback, niente bis: stop al secondo semestre di premi e rimborsi

Tra gli “altri”, quindi, ci sarebbe anche il programma Quarto Grado, condotto da Gianluigi Nuzzi e Sabrina Scampini, già diffidato da Piera Maggio dall’affrontare il caso della scomparsa della figlia e anche solo dal citarne il nome. Il conduttore Gianluigi Nuzzi, tuttavia, ha replicato con un duro “La notizia prima di tutto” rivendicando il diritto di cronaca e non rispettando in tal modo la volontà di una madre, nonché vittima al pari di Denise, che da 17 anni attende di conoscere la verità sulla reale sorte della figlia.

Impostazioni privacy