Love Island Italia, Monica: chi è la giovane imprenditrice

0
386

I protagonisti del dating show Love Island Italia, Monica: chi è la giovane imprenditrice romana, la sua storia e le curiosità.

(screenshot video)

Tra i protagonisti di Love Island Italia, in onda su Real Time e condotto da Giulia De Lellis, ormai entrato nel rush finale, c’è Monica. La giovane è nata nel 1997 a Roma e da quanto si apprende lavora nell’azienda di famiglia, con incarichi di primo piano. L’azienda si occupa di gestione immobili industriali e lei la gestisce direttamente.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo-> Giacomo Czerny e Giulia De Lellis, i due si conoscono: il curioso dettaglio

Laureata in economia e management, infatti, Monica ha dovuto presto assumersi le proprie responsabilità, a causa della morte del padre, che di quell’azienda di famiglia ne era il titolare. Dal punto di vista sentimentale, sappiamo con certezza che la giovane concorrente del dating show è stata fidanzata nel corso dell’adolescenza.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo-> Love Island Italia: quando andrà in onda l’ultima puntata del dating show

Chi è Monica, protagonista di Love Island Italia

Ha scelto di partecipare a Love Island perché aveva voglia di prendersi del tempo per se stessa e perché voleva per un momento staccare anche dal lavoro. Dopo una lunga relazione, Monica è rimasta single e ha spiegato che questa è sua responsabilità: si sentiva infatti poco coinvolta. La scelta del dating show è legata al fatto che la ragazza cerca l’amore vero, ovvero una persona che a suo dire le faccia sentire le celeberrime farfalle nello stomaco.

La ragazza non ama i social network e infatti non ha un profilo social: spiega di non essere interessata a quel tipo di mondo e ad apparirvi. Ha anche sostenuto di avere passato momenti in cui aveva paura di restare sola, per cui ha avuto diverse relazioni anche lunghe. Da single, ha apprezzato il piacere di essere indipendente. Nel corso della prima fare del dating show, Monica si è avvicinata a Denis Bergamin, quindi a Daniel Dolhescu, per poi tornare da Denis.