Padova, 17enne muore nello scontro tra il suo scooter e un furgone

0
320

Incidente stradale ieri sera a Padova: a perdere la vita, nello scontro tra uno scooter e un furgone, è un 17enne, figlio di un imprenditore

(Screen video)

Un giovane di 17 anni, Piergianni Cesarato, è morto ieri sera, mercoledì 30 giugno, in un incidente stradale a Padova, in via Chiesanuova. Il ragazzo era in sella al proprio scooter, un Yamaha 125, quando, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrato con un furgone che stava svoltando in una strada laterale. Il giovane è morto sul colpo: una volta giunti sul luogo del sinistro, insieme agli agenti della Polizia stradale che hanno provveduto ad effettuare i rilievi tecnici del caso, gli operatori sanitari del Suem, infatti, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 17enne.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Nicola Colloca, trovato morto carbonizzato: tutti assolti, fu suicidio

Pesanti le ripercussioni sul traffico veicolare in un’ora particolarmente critica dal punto di vista della circolazione dato che in molti stavano rincasando dopo una giornata di lavoro. Nel frattempo lo scooter e il furgone sono stati sequestrati per ricostruire l’esatta dinamica del violentissimo impatto costato la vita al 17enne.

Padova, muore 17enne nello scontro tra il suo scooter e un furgone. La disperazione del padre: “E’ tutta colpa mia”

Non riesce darsi pace il padre, Nicola Cesarato, noto imprenditore tessile in quanto titolare della Gicipì, azienda di maglieria e intimo a Sarmeola di Rubano, che, una volta arrivato al fatale incrocio con via Cesalpino, ha sfogato tutta la propria disperazione: “È tutta colpa mia che gli ho regalato la moto, era la mia vita, voglio morire“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Covid, Regno Unito: impennata di casi legati alla variante Delta

Uno sfogo, dettato da un dolore inconsolabile, che dimostra il grande legame con il figlio, poco “social”, a differenza dei suoi coetanei, ma grande amante del basket tanto da vestre anche la maglia dell’Ardens Padova. Dopo la rimozione della salma è arrivata anche la madre del 17enne che, in lacrime ma in silenzio, ha abbracciato il marito: i due genitori, colti da leggero malore, sono poi stati accompagnati in ospedale per dei controlli.