Sara Pedri, le ricerche del corpo nel lago di Santa Giustina

0
146

Sara Pedri, investigatori e cani molecolari sono al lavoro. Oggi intanto ispezione ministeriale nell’ospedale di Bolzano

Sara Pedri
Lago Santa Giustina in Trentino (screen You tube)

Continuano le ricerche della giovane ginecologa di Forlì Sara Pedri scomparsa lo scorso 4 marzo a Cles in Trentino. La dottoressa era in servizio presso l’ospedale Santa Chiara di Trento che oggi sarà oggetto di controllo da parte degli ispettori inviati dal Ministero della Salute.

Gli inquirenti avevano già trovato gli effetti personali nella sua auto, documenti, vestiti e cellulare, vicino al ponte Mostizzolo. Fondamentale l’apporto dei cani molecolari che dagli abiti ritrovati hanno portato vicino a un dirupo di circa cinquanta metri, nel pressi del torrente Noce.

Gli inquirenti speravano che i cani non avrebbero portato là perché quel luogo è noto per essere teatro di molti suicidi. Sempre grazie ai cani sarebbero state trovate tracce di Sara nelle acque del lago quando gli animali furono portati con un gommone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sara Pedri, si dimette il direttore generale della APSS

Sara Pedri, oggi ispezione del Ministero

Sara Pedri
Sara Pedri (foto Facebook)

Il condizionale è d’obbligo, non si è certi che il corpo della ragazza sia in fondo al lago perché si potrebbe trattare anche di altre persone. Lo strato melmoso e la scarsa visibilità non rende facile la perlustrazione del fondo.

Nel frattempo si continua a lavorare sull’altro fronte che riguarda ciò che sarebbe avvenuto all’interno dell’ospedale dove Sara Pedri lavorava. Secondo quanto raccontato dalla ragazza ai familiari si respirava un clima per nulla sereno e ostile nei suoi confronti e di altre colleghe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, Carmelo Abbate denuncia: “Contro me attacchi vigliacchi”

L’ipotesi è che tale situazione abbia portato la ragazza ad allontanarsi volontariamente o peggio ancora a suicidarsi, pista che prende sempre più corpo tre mesi dopo la sua scomparsa. Sull’ospedale sono puntati tre fari: quello della Procura della Repubblica di Bolzano che indaga sulla scomparsa, quello del Ministro della Salute con l’ispezione di oggi e di un’inchiesta interna.