Haiti: il presidente Jovenel Moïse è stato assassinato

0
311

Un commando di sicari stranieri ha ucciso il presidente di Haiti Jovenel Moïse. Il delitto ha avuto luogo nella notte tra martedì e mercoledì nell’abitazione privata del presidente.

NEW YORK, NY – SEPTEMBER 27: Jovenel Moïse, President of Haiti delivers a speech at the United Nations during the United Nations General Assembly on September 27, 2018 in New York City. World leaders are gathered for the 73rd annual meeting at the UN headquarters in Manhattan. (Photo by Stephanie Keith/Getty Images)

Un delitto scuote Haiti, a perdere la vita è stato il presidente Jovenel Moïse, insieme alla moglie. Il fatto è stato comunicato dal primo ministro di Haiti Claude Joseph – l’attentato alla vita del presidente haitiano sarebbe stato consumato da sicari armati, probabilmente stranieri, infatti, come spiega il comunicato del primo ministro, alcuni di questi parlavano spagnolo. Jovenel Moïse e la moglie sono stati assassinati nella dimora privata nei pressi della capitale Port-au-Prince.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Crimini di guerra, in appello confermato ergastolo per Ratko Mladic

Il Post ha spiegato, riprendendo un articolo dell’agenzia di stampa britannica la Reuters come lo stesso primo ministro di Haiti ha invitato tutti alla calma e ha dichiarato che il governo ha già emanato lo stato di emergenza e che le autorità competenti stanno già agendo e portando avanti le relative indagini. Il Paese sta affrontando già un complicato periodo di crisi e rimane ancora oggi un territorio fortemente carente dal punto di vista non solo dei diritti ma anche dal punto di vista socio-economico: in molte parti del Paese la popolazione è costretta a fare i conti con la povertà assoluta, piaga costante della nazione caraibica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gran Bretagna, Matt Hancock si dimette: il ministro della sanità ha violato le norme anticovid

Il presidente di Haiti era in carica dal 7 febbraio del 2017 e aveva 53 anni. Già eletto nel 2015, non arrivò ad assumere la carica, poiché le elezioni furono invalidate per a causa di brogli elettorali. Moïse era stato coinvolto anche in uno scandalo politico che aveva come fulcro la corruzione – in questo caso fu accusato insieme ad altre cariche del governo. Nell’ultimo anno poi, era stato accusato dall’opposizione di repressione, dopo che nel Paese si erano verificati degli incidenti tra gli oppositori manifestanti e le autorità, negli scontri alcune persone persero la vita.

Aggiornamento: le fonti mediche haitiane hanno smentito la morte della moglie che ha invece riportato importanti ferite. Al momento però la stessa si trova fuori pericolo.