Lago di Garda, in un video l’incidente in cui sono morti Greta e Umberto

0
334

Un video delle telecamere di un’abitazione sulla sponda del Garda mostra il momento del terribile incidente che ha causato la morte di Umberto Garzarella e Greta Nedrotti.

incidente sul garda, il video dello scontro
(screenshot video)

Alle prime ore della mattina del 20 giugno un pescatore avvistava sul lago di Garda la piccola barca di legno di Umberto Garzarella, squarciata su un fianco e con a bordo l’imprenditore senza vita. Circa dodici ore dopo veniva poi recuperato a cento metri di profondità il corpo di Greta Nedrotti. I due erano morti durante la notte dopo essere stati travolti da un potente motoscafo su cui viaggiavano due turisti tedeschi, che li aveva investiti in pieno.

Uno dei due uomini, Patrick Kassen, che sarebbe stato alla guida dell’imbarcazione, è stato arrestato quattro giorni fa dopo essersi consegnato spontaneamente ed è accusato di duplice omicidio colposo e omissione di soccorso. Nelle ultime ore il Tg1 ha mandato in onda in esclusiva il video dell’impatto mortale, ripreso dalle telecamere di un’abitazione privata di San Felice, sulla sponda del lago di Garda. Le terribili immagini permettono di ricostruire la dinamica della tragedia.

Ti potrebbe interessare anche -> Incidente lago di Garda, autopsia sul corpo di Greta: i risultati

Il video dell’incidente sul Garda: ecco cosa è successo

Il filmato, delle ore 23,24 del 19 giugno, mostra chiaramente, anche se in lontananza, il momento esatto del gravissimo incidente che è costato la vita alla giovane coppia. Nelle immagini si nota il motoscafo dei due tedeschi procedere spedito in acque aperte nella direzione della piccola imbarcazione di Umberto Garzarella e Greta Nedrotti. Avrebbe corso ben quattro volte il limite consentito e con i fari anteriori accesi. “Una condotta gravissima”, si legge nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip.

Ti potrebbe interessare anche -> Incidente sul Garda, arrestato il tedesco che guidava il motoscafo

Il video prova che dopo lo speronamento il motoscafo non accenna a rallentare, proseguendo a gran velocità la sua rotta, in direzione da Portese a Salò come specificato dal giudice per le indagini preliminari. Dalle immagini delle telecamere tuttavia non è possibile dimostrare chi dei due turisti tedeschi si trovasse ai comandi del motoscafo. Patrick Kassen ha ammesso fin dai primi istanti di essere lui alla guida, ma gli inquirenti lo devono ancora dimostrare. In un altro video che riprende l’imbarcazione al rimessaggio, a condurre l’attracco è l’altro uomo, il manager Christian Teismann, proprietario del motoscafo.