Europei, allarme Covid per l’Italia: tre positivi, isolati gli azzurri

0
109

Il Covid spaventa il ritiro dell’Italia in vista della finale di Euro 2020 contro l’Inghilterra: due tecnici e un giornalista al seguito degli azzurri sono risultati positivi.

italia, tre giornalisti positivi al covid
Credit: Andrew Medichini – Pool/Getty Images

Dopo il focolaio che ha colpito la Nazionale italiana lo scorso 31 marzo, in occasione della partita contro la Lituania, quando risultarono positivi sette calciatori e alcuni membri dello staff tecnico, l’incubo del Covid torna ad aleggiare sul ritiro azzurro. Questa volta però, arriva a poco più di 48 ore dalla finale degli Europei che si giocherà a Wembley contro l’Inghilterra. Secondo quanto si apprende, due tecnici televisivi e un giornalista al seguito della squadra di Roberto Mancini sono risultati positivi ai tamponi effettuati dopo la semifinale vinta con la Spagna.

Ti potrebbe interessare anche -> Italia – Inghilterra, arbitra Björn Kuipers: chi è il famoso fischietto

Italia, allarme Covid: tre positivi, ritiro blindato

L’allarme è stato lanciato poiché tra il personale dei media che ha contratto il Covid, i due tecnici si trovano in Inghilterra mentre il giornalista risultato positivo era tornato da Londra a Coverciano per documentare la preparazione dell’Italia in vista della grande finale. Adesso si attendono comunicazioni ufficiali in merito alla conferenza stampa prevista per oggi, che potrebbe essere annullata o svolta in remoto.

Ti potrebbe interessare anche -> Italia-Inghilterra, a Wembley un tifoso azzurro d’eccezione: di chi si tratta

Nel frattempo il ritiro della Nazionale è stato blindato e sanificato. Sulla situazione filtra comunque ottimismo in quanto gli azzurri e lo staff sono vaccinati con entrambe le dosi e hanno pochissimi contatti con i media, incontrando i giornalisti soltanto durante le conferenze. Dunque al momento non si teme che si possa verificare un focolaio come quello dello scorso marzo e la partita contro l’Inghilterra non corre alcun rischio. L’identità dei positivi non è ancora stata confermata, ma secondo le indiscrezioni lavorerebbero tutti per la Rai.