Covid-19: i dati di oggi, sale il tasso di positività

0
95

Covid-19: in Italia nuovi 888 contagiati, risale il tasso di positività che sembra proseguire sul trend degli ultimi giorni, in risalita anche i ricoveri ordinari. La variante Delta adesso sembra essere la vera incognita, non solo in Italia ma in tutta Europa.

ROME, ITALY – JUNE 7: Tourists visit the Piazza di Spagna (Spanish Steps), on June 7, 2021 in Rome, Italy. The Covid-19 incidence in Italy fell to 32 cases for every 100,000 inhabitants, down from 47 last week, according to the report of the Government’s COVID taskforce. (Photo by Antonio Masiello/Getty Images)

L’aggiornamento quotidiano del ministero della Salute riporta 888 nuovi contagiati su 73.571 tamponi – i decessi sono stati 13. Un tasso di positività che sale all’1,2%, proseguendo sul trend degli ultimi giorni – calano invece, seppur lievemente, i ricoveri nelle terapie intensive -3. Risalgono invece i ricoveri ordinari che crescono di 15 unità. Nella giornata di ieri i casi sono stati 1.391, 7 i morti, ma su un campione di 143.332 tamponi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, aumento contagi, ISS: “La maggior parte sono non vaccinati”

In Italia si contano ancora 1.307 ospedalizzati – 158 di questi sono ricoverati nei reparti di terapia intensiva. 39.119 persone invece in isolamento domiciliare, un numero sceso di 667 unità rispetto alla giornata di ieri. In Italia il totale dei positivi è di 40.426 casi. Le quattro Regioni con il numero più alto di casi sono: Lazio +172, Sicilia +150, Emilia-Romagna +118 e Lombardia +95. Ad allarmare è il numero di contagi tra giovani, soprattutto dopo i recenti cluster in Puglia, nel Lazio e in Lombardia – ma anche per i probabili contagi durante i festeggiamenti dopo la vittoria della nazionale Italia di calcio dell’Europeo, dopo la diffusione di molte immagini che riprendevano i tifosi senza mascherine e senza distanziamento festeggiare nelle piazze di tutta Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19: allarme per i focolai fra giovani

Preoccupa la variante Delta, che lo stesso sottosegretario Pierpaolo Sileri spiega “sarà dominante prima del previsto, i contagi saliranno” – l’aumento dei casi è difatti in gran parte correlato alla circolazione della nuova variante che, non solo determina preoccupazione in Italia ma è già all’attenzione dei Paesi per l’emanazione di nuove misure di contrasto alla Covid-19. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità ha spiegato come la variante Delta sarà dominante dal punto di vista globale, una variante già presente già in 104 Paesi. Israele vaccinerà gli immunodepressi adulti che richiederanno una terza dose.