Ex portiere del Messina Cecere finisce in carcere: cos’è successo

0
110

Ex portiere del Messina Cecere era agli arresti domiciliari per stalker dopo le denunce di una donna. Fu uno degli eroi della promozione in B

ex portiere messina cecere
Domenico Cecere (screen YouTube Messina Sportiva)

Domenico Cecere, procuratore di calciatori ed ex portiere del Messina ai tempi della promozione in Serie B, è finito in carcere per aver evaso i domiciliari ai quali era stato obbligato per stalking. L’ex calciatore aveva ricevuto il divieto di avvicinarsi a una donna che lo aveva denunciato e dopo varie violazioni della decisione del giudice, per lui sono stati disposti i domiciliari a casa di un conoscente.

Ma da questa sarebbe evaso non una ma ben due volte. I magistrati competenti del caso hanno così stabilito di non rinnovare la misura cautelare ma di far scattare direttamente l’arresto in carcere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Europei ed il bus scoperto, il prefetto di Roma: “Avevamo negato il permesso”

Domenico Cecere, la lunga carriera del portiere

Screen YouTube Sport Channel

Nato a Caserta nel 1972, a Messina si era trasferito definitivamente. Lunga la sua carriera tra i pali soprattutto in Serie C. Cresce nel Napoli e nella stagione 1991-1992 è aggregato in prima squadra come terzo portiere. È il primo anno senza Maradona ed incontra campioni del calibro di Alemao e Gianfranco Zola.

Dopo il Palermo torna in Campania per vestire le maglie di Nola e Turris poi la casacca pugliese del Bisceglie. Girovaga molto l’Italia e va a Pescara poi alla Fermana dove nella stagione 1998-1999 vince il campionato di Serie C giocando quasi tutta la stagione successiva in cadetteria.

Il Pescara è ancora il club proprietario del cartellino che poi viene diviso con il Messina: è l’estate del 2001 e alle buste il portiere va ai siciliani. Quell’anno scriverà la storia del club peloritano perché fa parte della rosa che batte il Catania ai play-off e accede in Serie B.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gigio Donnarumma, Luca Toni lo difende: “Il Milan ha sbagliato”

L’anno successivo ricomincia il girovagare: nella stagione 2001-2002 veste le maglie di Treviso e di nuovo Pescara prima di tornare ancora nella regione natale con Avellino e Cavese. Nel 2008 va al Potenza poi sarà di nuovo Sicilia con Gela e Siracusa, prima di chiudere la carriera nel 2011 con il Messina.