Salerno, indagati un magistrato e un generale della GdF per corruzione

0
91

Bufera a Salerno: indagati per corruzione e traffico di influenze un magistrato e un generale della Guardia di Finanza in pensione

(Getty Images)

Anche un magistrato in servizio presso la Procura della Repubblica di Salerno tra i soggetti i cui domicili sono stato sottoposti a perquisizione su disposizione dalla Procura della Repubblica di Napoli. Nell’indagine si ipotizzano i reati di corruzione e di traffico di influenze in forma continuata e in concorso tra gli indagati. Tra quest’ultimi, oltre al magistrato che si occupa di reati ambientali e contro la pubblica amministrazione oltre che di quelli nel settore dell’edilizia, figurano anche imprenditori, un generale della Guardia di Finanza in pensione e un’avvocatessa, legata sentimentalmente al magistrato e consulente legale del consorzio di imprese nel quale figurano alcuni degli imprenditori coinvolti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Video dal dark web dell’uccisione di una donna: si indaga per capire se è Saman Abbas

In particolare, il magistrato indagato avrebbe informato gli imprenditori circa alcuni procedimenti penali riguardanti abusi edilizi in cui risultano coinvolti e di cui lui si stava occupando. L’avvocatessa avrebbe ottenuto incarichi professionali proprio grazie all’intervento del magistrato che, in cambio, avrebbe evitato di svolgere indagini sul conto degli imprenditori.

Salerno, indagati un magistrato e un generale della Guardia di Finanza per corruzione

Come anticipato nel primo paragrafo, i militari dell’Arma hanno sottoposto a perquisizione gli uffici e le abitazioni degli indagati, che vivono tra Napoli, Salerno e Roma, nel corso delle quali hanno acquisito documentazione cartacea e apparati informatici (computer, telefoni, dispostivi per la memorizzazione dei dati).

POTREBBBE INTERESSARTI ANCHE –> Sardegna, lancia cocaina dall’aereo: arrestato un trafficante italiano

Massimo riserbo per il momento da parte dei carabinieri ai quali sono state delegate le indagini e che hanno perquisito anche gli uffici del magistrato che si trovano all’interno del palazzo della Procura della Repubblica di Salerno.