Mauro Romano, Sapia chiede l’intervento della Farnesina: verità più vicina

0
189

Caso Mauro Romano, il deputato Francesco Sapia ha presentato un’interrogazione parlamentare: “Seguiamo la pista araba”.

Continua la ricerca di Mauro Romano, soprattutto dopo le recenti dichiarazione della mamma ormai 76enne che afferma: “Dite che mio figlio è morto? Allora ditemi dov’è, aiutatemi a trovare pace una volta per tutte, sono pronta a scavare con le mie stesse mani”. Un appello toccante, fatto all’esterno del piccolo trullo in cui suo figlio sarebbe stato nascosto dopo essere narcotizzato e prima di sparire nel nulla. Dopo queste parole qualcosa sembra essersi mosso anche a livello nazionale.

Infatti il deputato Francesco Sapia ex Movimento 5 Stelle, parla riguardo il caso di Mauro Romano e dichiara: “Il ministero degli Esteri si attivi quanto prima per dare una risposta chiara alla famiglia Romano, dopo 44 anni di silenzi”. Infatti si indaga sul piccolo dal 1977, quando a 6 anni scompare da Rancale, in provincia di Lecce e non viene più trovato.

Sapia spiega che un libro recentemente pubblicato da Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni dal nome “Storia di una scomparsa” racconta la tragica vicenda come si è evoluta nel corso di questi anni e lo fa riportando documenti esclusivi, e attribuendo responsabilità istituzionali. La pista più battuta è quella araba, da quando nel 2008 si trovò una somiglianza con un il figlio di uno sceicco arabo, Khalaf Ahmed Al Habtoor, ma non si indagò mai a fondo.

POTREBBE INTERESSARTI: Kenya, assassinata una nota attivista per l’ambiente e i diritti

“Da allora”, dice ancora Sapia, “nessun altro tentativo è stato fatto, quanto meno chiarificatore, su tale presunta somiglianza. Per questa ragione ho chiesto al ministro se non ritenga opportuno oggi, a distanza di 44 anni dalla scomparsa, adottare iniziative tramite la rete diplomatica al fine di favorire un incontro, lontano dalle telecamere, tra le famiglie Romano e Al Habtoor, al fine anche di fugare ogni dubbio sulla presunta somiglianza”. Dunque l’ex grillino chiede in Parlamento l’intervento della Farnesina per far luce sul caso e dare finalmente pace alla famiglia che da troppo tempo aspetta una risposta.