Norcia, torna la paura del terremoto: scossa di magnitudo 3.6

0
277

A due chilometri dal centro di Norcia, in Umbria, è stato registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.6, avvertita indistintamente anche in altre zone del centro Italia. 

terremoto a norcia di magnitudo 3.6

Intorno alle 10 della mattina di oggi, venerdì 16 luglio, una scossa di terremoto ha colpito l’area di Norcia, comune in provincia di Perugia già messo in ginocchio nel 2016 dal tragico sisma di magnitudo 6.5 verificatosi nel centro Italia. Questa volta fortunatamente la scossa di magnitudo registrata è stata decisamente più lieve, 3.6 a una profondità di 11 chilometri, e non sarebbero stati registrati né danni né richieste di soccorso, come confermato dai vigili del fuoco impegnati nella ricognizione del territorio.

L’epicentro è stato individuato a due chilometri di distanza a ovest del centro di Norcia, con coordinate di latitudine 42,791 e di longitudine 13,071. Secondo quanto si apprende la scossa non è stata avvertita esclusivamente dalla popolazione locale, ma anche da quella di altre parti del centro Italia. Oltre che dall’Umbira, sono infatti giunte segnalazioni da Marche, Abruzzo e Lazio. Si è trattato del secondo sisma registrato questa mattina a Norcia: la prima scossa si è verificata intorno alle ore 8 con le stesse coordinate geografiche e la medesima profondità, ma con magnitudo 2.5.

Ti potrebbe interessare anche -> Ravenna, terremoto di magnitudo 4.1 scuote l’Adriatico

Terremoto di magnitudo 3.6 a Norcia: i comuni nel raggio dell’epicentro

Il terremoto di magnitudo 3.6 registrato oggi a Norcia è stato localizzato dalla Sala Sismica Ingv-Roma. Dai dati raccolti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, gli altri comuni più vicini all’epicentro della scossa sono Cascia e Preci, distanti rispettivamente 9 e 10 chilometri. Sempre nella provincia di Perugia, nel raggio di circa 14 chilometri ci sono Cerreto di Spoleto, Castalsantengelo sul Nera e Poggiodomo. Per quanto riguarda le città vicine all’epicentro con almeno 50mila abitanti, vi sono Foligno, Terni, Teramo, L’Aquila e Perugia.