Belgio: Vigili del fuoco italiani salvano decine di persone

0
110

Alluvione Belgio, soccorse dal team italiano dei Vigili del Fuoco e portate in un salvo 40 persone rimaste bloccate nelle proprie abitazioni.

Nel nubifragio che negli ultimi giorni ha devastato i Paesi della Germania e del Belgio sono oltre centro le vittime tedesche e migliaia i dispersi. Si aggiungono a questi decessi altre 12 persone morte in Belgio dove i fiumi esondati hanno causato allagamenti in tutta la nazione. Oltre alla Germania e al Belgio, sono stati colpiti da gravi inondazioni anche Paesi Bassi, Lussemburgo e parte della Svizzera. Si contano invece 21 mila persone attualmente senza corrente elettrica e isolate.

Angela Merkel ha dichiarato che si dovrà aspettare ancora qualche giorno per fare una stima dei danni provocati dal maltempo, nel frattempo rassicura che il governo tedesco porterà piena assistenza alle persone colpite. Inoltre la cancelliera tedesca si è rivolta verso tutti coloro che hanno subito danni materiali e perdite di familiari e amici e ha dichiarato: “non vi lasceremo soli in questo difficile e terribile momento”.

Per fronteggiare la catastrofe il governo belga ha inviato centinaia di soldati e mezzi anfibi nella aree più colpite per aiutare le operazioni di soccorso. In questa situazione drammatica è scattata la solidarietà internazionale, infatti l’Italia è corsa in assistenza dopo una richiesta della Commissione europea agli Stati membri. Il team italiano in Belgio è composto da personale dei Vigili del fuoco e della Protezione civile ed è arrivato ieri a Liegi, la città belga che sorge nella nella Vallonia francofona.

POTREBBE INTERESSARTI: Norcia, torna la paura del terremoto: scossa di magnitudo 3.6

La squadra ha iniziato l’operazione di soccorso intorno alle 6.30 di ieri, 16 luglio, per evacuare gli ultimi occupanti di una casa di riposo rimasti bloccati dall’acqua che aveva inondato l’edificio. Grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco italiani sono state salvate almeno 40 persone.

In tutta l’area interessata dall’alluvione sono al lavoro da due giorni circa 15mila persone, tra agenti di polizia, militari, soccorritori, Vigili del fuoco e elicotteri per recuperare e mettere in salvo le persone che hanno cercato rifugio sui tetti per scampare alle esondazioni.