Luciana Littizzetto in ospedale: il sostegno di Emma e Antonella Clerici

0
313

Luciana Littizzetto alle prese con i postumi di un grande infortunio che le dà ancora noie. La foto su Instagram e l’incoraggiamento di tanti

Luciana Littizzetto
Luciana Littizzetto (foto Instagram)

Luciana Littizzetto torna in ospedale e posta una foto su Instagram raccogliendo i messaggi di solidarietà di tante persone, note e non. “E sono ancora qua. Eh già”, ha scritto nel post parafrasando la nota canzone di Vasco Rossi. “Ora tutti i fili e i ferri della rotula sono tolti. Ricomincia l’ambaradan del recupero“, scrive la comica torinese come didascalia nello scatto che la vede nel letto dell’ospedale dov’è tornata per proseguire le cure riabilitative dell’incidente del dicembre 2019.

Spiccano i commenti di Emma Marrone e la conduttrice Antonella Clerici. La prima la incoraggia con un cuore e il messaggio “Forza Lucianina” mentre la seconda opta per la classica espressione romanesca “Daje”.

È passato un anno e mezzo dall’incidente ma i postumi ci sono ancora. Tra Natale e Capodanno del 2019 la comica comunicò con tanto di foto su Instagram di essersi rotta rotula e polso destro a seguito di una caduta per strada.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luciana Littizzetto, chi è l’ex compagno Davide Graziano

Luciana Littizzetto e i problemi del vecchio incidente

Luciana Littizzetto
Getty Images

Se dopo tanto tempo la Littizzetto è ancora costretta ad andare in ospedale vuole dire che l’infortunio fu davvero grave. Come detto ha spiegato che solo adesso sono stati tolti tutti i fili e i ferri della rotula e può effettivamente ricominciare il recupero.

Arriva il sostegno anche di Filippa Lagerback dal suo account ufficiale Instagram e di tutta la squadra di Che tempo che fa dove ha partecipato dopo l’incidente sfoggiando tutta l’ingessatura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Colpaccio Real Time: Simona Ventura, programma con figlio della D’Urso

Successivamente ha continuato a lavorare con Fazio in collegamento da casa (la comica lo ringraziò per questo) perché l’intervento al quale si è sottoposto non è stato uno solo. E il percorso riabilitativo sembra purtroppo ancora lungo.